www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 02/03/2012  -  stampato il 05/12/2016


In memoria di tutti i colleghi della Polizia Penitenziaria che si sono tolti la vita

BURNOUT? Quando... sei solo con tuo dolore!

Ma che parola è questa? Cosa si nasconde dietro di essa?

Spesso chi ne parla chi ne discute è solo chi è all'esterno di essa!

Spesso chi si siede attorno a tavoli di confronto non ne può capire il vero significato.

Solo chi ci è passato solo chi l'ha vissuto sulla propria pelle ne può descrivere il suo spessore, la sua pericolosa e nefasta infestazione.

Col senno di poi siamo tutti bravi a fare analisi, congetture ed ipotesi.

Ma quanti invece con il potere e l'autorità di poter intervenire hanno girato, girano e continueranno girare la testa e la propria coscienza dall'altra parte perché egregi signori è più facile intervenire quando c'è scappato il morto: un telegramma, qualche lacrimuccia, un picchetto e tutto passa tutto và mentre il dolore dei famigliari non passera mai il dolore di quei figli non avrà mai pace.

E mentre il nostro DAP sbarcherà il lunario tra nomine nominuccie  e scambio di poltrone, passerà un altro giorno di scommesse! Chi sarà il prossimo? Basta girarsi intorno per rendersi conto di quanta sofferenza nascosta vi è nell'animo di molti di noi, nascosta per paura di essere derisi di essere presi in giro di essere apostrofati come deboli, isolati, nel  vuoto del nostro dolore ci troveremo da soli, forse solo chi avrà fede potrà resistere forse solo chi avrà tanto amore potrà risorgere, perché oltre questo "lavoro" c'è una vita da vivere degli affetti da abbracciare un figlio che ci aspetta per chiamarci papà.

di CORRADO MATTEO (ex appartenente al Corpo passato al ruolo civile)

 

Leggi anche: L’ex Capo DAP Ettore Ferrara era un incapace?

Il fenomeno dei suicidi nella Polizia Penitenziaria: quattro casi in sei mesi

Ionta: stiamo lavorando per un gruppo di lavoro sui suicidi tra i poliziotti penitenziari 

Stress e burnout professionale

Benessere del Personale: un bluff che va avanti dal 2008

I colleghi si suicidano e al DAP il Dirigenti giocano a fare i giuristi