www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 01/05/2012  -  stampato il 03/12/2016


Margara dichiara che mancano i direttori e le carceri sono in mano ai poliziotti penitenziari. Concorso a premi per scoprire che sostanza aveva assunto lex Capo DAP

Leggi la dichiarazione di Alessandro Margara (ex Capo DAP prima di Gian Carlo Caselli) e partecipa al quiz a premi per indovinare quale sostanza ha evidentemente alterato le capacità di giudizio dell’ex Capo del DAP.

 
LA DICHIARAZIONE
 
''In Italia mancano i direttori delle carceri e si sta prospettando la consegna degli istituti di pena alla Polizia Penitenziaria. Questo non e' un buon modo di agire''. Lo ha detto il garante toscano dei detenuti Alessandro Margara, intervenendo oggi a margine di un convegno in Consiglio regionale organizzato dal gruppo Fds-Verdi. Margara ha spiegato di essere stato oggi ricevuto, insieme ad altri garanti, dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, per parlare della situazione delle carceri italiane. ''Al Presidente - ha sottolineato - ho fatto presente questo aspetto. Praticamente non ci sono piu' direttori penitenziari, e non ci sono concorsi per farne di nuovi. Allo stesso tempo stanno per entrare 400 commissari di Polizia Penitenziaria, e di fatto saranno loro a diventare i direttori delle carceri''.
 
 
I PREMI IN PALIO
 
Primo premio: una confezione di quello che ha preso Alessandro Margara, qualunque cosa sia.
 

Secondo premio: una crociera sul Lago d’Aral (attualmente prosciugato) con i circa 600 Direttori delle carceri che non riescono a coprire 200 Istituti penitenziari. Il ritrovo sarà presso Largo Luigi Daga (sede del DAP) dove già si trovano i primi 200 direttori.

Terzo premio: l’enciclopedia di tutti i provvedimenti e le azioni intraprese dai garanti dei detenuti comunali, provinciali e regionali della Repubblica, dall’Unità d’Italia ad oggi. Una fantastica collezione da non perdere di due pagine compresa la copertina, i ringraziamenti la prefazione e il sommario.

 

Leggi anche: I Direttori iniziano lo sciopero. In seicento persone non riescono a coprire meno di trecento posti e chiedono al DAP di integrare i loro organici (maggio 2011)