www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 07/06/2012  -  stampato il 11/12/2016


Dopo il patto di responsabilitÓ e la sorveglianza dinamica in carcere, Ŕ allo studio una nuova circolare sulle traduzioni

Solo qualche giorno fa il DAP ha diramato a tutti i provveditorati l’ormai famosa lettera in cui si chiariscono i termini del concetto di sorveglianza dinamica e patto di responsabilità. In pratica i detenuti più buoni firmeranno una letterina in cui dicono che saranno ancora più buoni e in cambio i poliziotti penitenziari gireranno in piccoli gruppi (e considerate le carenze d’organico non è escluso che gireranno in gruppi da uno…) per controllare che i detenuti si comportino effettivamente da buoni AAA (tripla A).

Ma non è tutto. Secondo le indiscrezioni che solo un giullare di corte può raccogliere, è allo studio una nuova disposizione per migliorare le traduzioni dei detenuti buoni, buoni, buoni.

In pratica se uno o più detenuti devono essere tradotti da un carcere all’altro e se al contempo sono tutti detenuti buoni AAA, allora possono noleggiare un mezzo in una delle aziende di noleggio convenzionate con l’Amministrazione penitenziaria. Con questa soluzione si otterrebbero considerevoli risparmi economici perché è risaputo che una macchina a noleggio costa meno di un’altra acquistata, infatti i nostri Dirigenti viaggiano in BMW 520 noleggiate proprio per risparmiare… Senza contare il risparmio delle missioni degli agenti penitenziari di scorta alla traduzione che potranno riposarsi comodamente nelle confortevoli sezioni detentive o fare delle passeggiate distensive in gruppo, mentre controllano detenuti Buoni AAA.

Ecco qualche esempio: due detenuti da Roma Regina Coeli al Tribunale di Piazzale Clodio, possono utilizzare una Smart elettrica per presenziare alle udienze a fare ritorno in carcere in giornata, invece, tre detenuti da Milano Opera possono noleggiare in mattinata una BMW 520 e recarsi a Firenze Sollicciano entro le dieci di sera. Oppure, quattro detenuti possono affittare una AUDI A8 e partire da Palermo Ucciardone, direzione Napoli Poggioreale e arrivare entro le 24 ore successive e “pagare” un declassamento da buono AAA a buono AA per due settimane, se dovessero arrivare in ritardo. A tal proposito, proprio per evitare ritardi, le vetture potranno essere dotate di lampeggiante e “paletta” per fluidificare la traduzione ed accelerare i tempi.

Oltre al risparmio economico, si pensi anche al ritorno di assunzione di responsabilità di questi detenuti che nel viaggio avrebbero modo di socializzare, trovare lavoro, operare nel volontariato e far attraversare qualche vecchietta.

Questa si che è efficienza, trasparenza ed economia! Ce ne fossero di idee come queste…