www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 22/06/2012  -  stampato il 07/12/2016


PICCHI’? (Perché?) In memoria dell’assistente Vincenzo Via Dedicata a tutti, per il rispetto della vita

 

PICCHI’? (Perché?)


In memoria dell’assistente Vincenzo Via

Dedicata a tutti, per il rispetto della vita 


di Stefano Ferrantelli


 

 


 

Omu: picchì facisti chista azioni?


 

Chissa era cosa chi un’avivi a fari!


 

Li genituri su n’dispirazioni


 

Li figghi toi, cu li po’ cunsulari?


 

L’amici tutti attoniti e sgumenti


 

Li toi colleghi sunnu ccà, prisenti


 

Ma soccu mai passau pi la to testa?


 

e nuddu chi ti potti cunsigghiari


 

Forsi la to menti era n’timpesta


 

Ma chissa un’era mprisa di pigghiari


 

Chi si macari n’avissi parratu


 

Criu chi l’aiutu un t’avissi mancatu


 

Forsi la curpa è nostra, macari


 

Culleghi chi nun sappiru capiri


 

Amici chi nun sappiru aiutari


 

Soccu tu mutu ci vulivi diri


 

Travagghiari pi sta amministrazioni


 

Chi n’avissi a vardari cu attinzioni


 

Na vota jiunti ccà a fattu cumpiutu


 

Chi tu si n’manu a lu Padreternu


 

A lu cuspettu so, nuddu è pirdutu


 

Putiri aviri paci pi l’eternu


 

E dicu a tutti: a vita s’avi a rispittari


 

Lu beni cchiu granni s’avi a salvaguardari.


 

 


 

(traduzione)


 

Uomo. Perché hai fatto questa azione?


 

Questa era una cosa che non dovevi fare


 

I genitori sono nella disperazione


 

I tuoi figli: chi li può consolare?


 

Gli amici tutti attoniti e sgomenti


 

I tuoi colleghi sono qua presenti


 

Ma cosa mai ti passò per la testa


 

E nessuno ti potè consigliare


 

Forse la tua mente era in tempesta


 

Ma questa non era un’impresa da prendere


 

Se magari ne avessi parlato


 

Credo che l’aiuto non ti sarebbe mancato


 

Forse la colpa sarà anche nostra


 

Colleghi che non seppero capire


 

Amici che non seppero aiutare


 

Quello che tu silenziosamente volevi dire


 

Lavorare per questa amministrazione


 

Che ci dovrebbe salvaguardare con attenzione


 

Una volta giunti qua a fatto compiuto


 

Che tu sei in mano al Padreterno


 

Al suo cospetto nessuno è perduto


 

Poter aver pace per l’eternità


 

E a tutti dico: la vita si deve rispettare


 

È il bene più grande che si deve salvaguardare.