www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 01/08/2012  -  stampato il 11/12/2016


L'Esercito di Franceschiello: prossimo vestiario sarÓ jeans e maglietta

 Mio nonno, un ex appuntato degli Agenti di Custodia in pensione, nervoso ed incazzoso, mi ricorda che negli anni 80 all’Ucciardone, dove lui faceva servizio, per un lungo periodo di tempo, gli agenti venivano a lavorare in Jeans e camicia dell’Amministrazione; ci fu un periodo che, a causa della scarsità del vestiario si assisteva, nelle carceri, alle più incredibili combinazioni di vestiario, tipo: pantaloni della tuta mimetica grigia con camicie maniche corte azzurre; pantaloni jeans e maglietta blu e scarpe da ginnastica ecc. ma erano altri tempi…. Gli appuntati degli agenti di custodia che erano dei saggi, si divertivano a coniare neologismi e vendendo quella massa di agenti multicolore dicevano: ecco l’esercito di Franceschiello! 

Oggi però nell’era della crisi della zona euro si va assistendo lentamente ma inesorabilmente ad un ritorno al passato.

Abbiamo iniziato con il personale delle traduzioni, il nostro fiore all’occhiello all’esterno. – Mi raccomando: chi va in Tribunale ci deve andare in perfetta uniforme; noi abbiamo un’immagine da difendere!!! No, tu con la mimetica puoi andare solo a fare traduzioni da carcere a carcere….

Ma poi c’era una direttissima da fare, un permesso con scorta a cui dare esecuzione immediata. Personale non ce n’è e allora si attinge al SAT, ai volontari che in quel momento si trovano in mimetica. Si storce un po’ il naso ma poi….le esigenze di giustizia prevalgono….- Andate così come siete, anche in borghese pur di assicurare la traduzione in Tribunale….mettiti la placca da qualche parte, per far capire che sei un Poliziotto Penitenziario….

Molti Comandanti siciliani, mi dicono, hanno serie difficoltà a far rispettare il giusto abbinamento dei capi di vestiario. Sono finite ad esempio le camicie a maniche corte, ormai rarissime e quelle che ci sono, sono a pezzi con i colletti sdruciti e quindi…..accomodate con le polo. Ma non è prevista la polo sopra il pantalone della divisa. Vabbè allora mettiti la mimetica. – Mi creda Comandante, non mi entrano più i pantaloni, colpa di mia moglie che mi ha messo all’ingrasso…posso montare per un certo periodo in abiti civili, non ho più divise decenti, non mi entrano, sono aumentato di due taglie.

Qualcuno mi chiede: ma che fine ha fatto il vestiario per gli agenti della Sicilia? Nei meandri delle carceri, negli oscuri corridoi delle fortezze del Regno delle Due Sicilie circola una leggenda: ovvero il vestiario per la Sicilia pare si trovi fermo al SADAV, stipato in scatoloni che, messi uno sull’altro raggiungerebbero l’altezza dell’Empire State Building, in attesa che qualcuno dalla Sicilia li vada a prelevare per poi distribuire i capi di vestiario al personale siciliano e quindi non vedere più gli obbrobri cui si è costretti per forza di cose. Pare che non ci siano i soldi per la benzina, per i traghetti, dei camions, che dovrebbero prelevare queste tonnellate di vestiario.

Ma sono sicuro che si tratta di una leggenda metropolitana: se il DAP ha avuto 3 milioni di euro da spendere nell’acquisto di 30 Land Rover, non capisco come si possa arrendere di fronte ad una spesa di benzina così irrisoria; un DAP che si permette di spendere, giornalmente, fiumi di soldi per tutta la benzina occorrente alle auto blindate a disposizione di alti funzionari e magistrati, non può lasciare il personale siciliano senza vestiario perché dicono – ma ribadisco è una leggenda metropolitana – che mancano i soldi per mandare un camion a Roma.

Mi raccomando, però. In attesa che arrivi il camion da Roma con il vestiario che il jeans sia blu scuro in modo di poterlo confondere, da lontano, con un pantalone di divisa.

Leggi anche: Traduzioni e piantonamenti: una Polizia Penitenziaria "Anarchicamente divisa"

Hai un problema con il vestiario? Il problema non ti sarà risolto, ecco perché