www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 01/11/2012  -  stampato il 11/12/2016


Calendario 2013 Polizia di Stato: quando il DAP si fa soffiare sotto il naso pure i detenuti minorenni di Nisida

Sicuramente al DAP avranno fatto "spallucce" quando hanno saputo che il Dipartimento Pubblica Sicurezza per l'edizione 2013 del Calendario della Polizia di Stato "C'è più sicurezza insieme", con la regia dell'Ufficio Relazioni Esterne e Cerimoniale, ha realizzato un calendario che porta le firme dei ragazzi detenuti nell'Istituto penale di Nisida, degli studenti della scuola internazionale di Comics, dell'Istituto cinematografico Rossellini di Roma e della Nikon.

Si, avete letto bene, per il 2013 la Polizia di Stato (Dipartimento Pubblica Sicurezza) ha coinvolto i detenuti minorenni di Nisida, "ospitati" in una struttura del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria, in un Istituto gestito e sorvegliato dalla Polizia Penitenziaria.

Stiamo assistendo ad un caso di "collaborazione" tra amministrazioni? Magari... 

Si tratta semplicemente dell'ennesimo caso di incapacità dei nostri Dirigenti di gestire la comunicazione pubblica e di valorizzare l'immagine della loro stessa Amministrazione e del Corpo di Polizia Penitenziaria.

Purtroppo fino a quando i nostri Dirigenti considereranno la Polizia Penitenziaria come la parte meno nobile della loro Amministrazione e non una "risorsa" da valorizzare e far crescere, continueranno a succedere casi analoghi a questo dove un'altra Forza di Polizia dello Stato  "invade" un campo proprio della Penitenziaria (intesa come Amministrazione e Polizia).

E non è nemmeno un fatto di contrapposizione tra "civili" e poliziotti. Tutto questo accade non perché non ci sia un poliziotto a Capo della Polizia Penitenziaria, né dipende dal fatto che all'Ufficio Relazioni Esterne e all'Ufficio del Cerimoniale della Polizia Penitenziaria ci siano dei "civili". Semplicemente è inadeguatezza, incapacità di capire che curare in ogni minimo dettaglio la comunicazione pubblica e l'immagine della Polizia Penitenziaria, sarebbe un vantaggio soprattutto per loro, per i Dirigenti, per l'Amministrazione penitenziaria.

Non ci resta che farci sorpassare anche "in casa nostra", in attesa che al DAP arrivi qualcuno che abbia a cuore, non dico la Polizia Penitenziaria (non oserei tanto), ma almeno la propria Amministrazione...

Il calendario del Corpo 2011: quando il DAP non è nemmeno capace a copiare