www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 18/01/2013  -  stampato il 03/12/2016


A Tor Vergata kermesse d'onore per l'Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping

I campioni olimpici italiani scendono in campo contro il bullismo e il doping: le medaglie di Londra, da Roberto Cammarelle a Clemente Russo, a Carlo Molfetta, da Vincenzo Mangiacapre a Valerio Aspromonte, da Alessio Sartori a Romano Battisti, hanno aderito, assieme a 21 federazioni sportive nazionali, alla campagna di prevenzione 2013 lanciata dall'Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping.

L'iniziativa, che ha registrato un parterre de rois costituito da autorità e ospiti di rilievo, è stata presentata nella mattinata del 15 gennaio presso l'Aula Fleming della Facoltà di Medicina dell'Università Tor Vergata di Roma.

Testimonial dell'evento l'attrice Claudia Gerini e l'atleta ed ex cantante Annalisa Minetti, tra l'altro neotesserata con il gruppo sportivo della Polizia Penitenziaria nel settore atletica.

La kermesse ha costituito l’occasione per la presentazione di un calendario con le immagini degli atleti olimpici e slogan contro il bullismo e il doping, realizzato in collaborazione con i gruppi sportivi della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia Penitenziaria, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato e dell'Aeronautica.

Il progetto andrà avanti per tutto il 2013 con iniziative convegni e appuntamenti in tutta Italia anche grazie alla collaborazione col sindacato di polizia Sap, partner dell'Osservatorio.

Tra gli altri campioni che hanno partecipato all’iniziativa svoltasi a Tor Vergata, sono giunti la campionessa mondiale di nuoto Ilaria Bianchi atleta della Polizia Penitenziaria delle Fiamme Azzurre, l’argento paralimpico Elisabetta Mijno sempre Fiamme Azzurre come il bronzo paralimpico Matteo Betti, Alessio Sarri del settore paralimpico delle Fiamme Oro, il pilota di moto Gp Michele Pirro e l’ex campione di scherma Gabriele Magni.

Anche il mondo del calcio ha voluto dare un contributo con la partecipazione di Roberto Samaden dell'Inter e Bruno Conti della Roma, entrambi responsabili dei settori giovanili delle loro squadre, con il dirigente sportivo Luigi Agnolin, il direttore generale Ghirelli ed il Presidente della Lega Pro Mario Macalli.

Tra i partner istituzionali dell’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping che hanno contribuito in maniera determinante al progetto ci sono anche l’Università di Tor Vergata e l’Istituto di Credito Sportivo.

Tra gli altri enti patrocinatori ci sono il CONI Nazionale, il CONI Regionale Lazio, Roma Capitale e 6Più.