www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 23/01/2013  -  stampato il 11/12/2016


Potevamo rimanere offesi!

Durante i miei venticinque anni di servizio ho visto cose che voi umani non potete nemmeno immaginare:

dirigenti scesi a patto col diavolo pur di essere trasferiti al dap; ufficiali che passavano da un incarico all'altro senza avere la più pallida idea di che cosa si trattasse; vice capi dipartimento contro capi dipartimento; uffici ispettivi che indagavano su se stessi; direttori d'istituto da trent'anni nella stessa sede che per entrare nel loro istituto doveva chiedere il permesso anche il ministro della giustizia; sottosegretari di stato di lotta continua; marescialli dei carabinieri che comandavano il dap; assistenti della polizia di stato che comandavano via arenula; funzionari amministrativi dirigere il ced; sconosciuti direttori che si addormentavano la sera dirigente e si svegliavano la mattina dirigente generale;  

 

… ne ho viste tante al largo dei bastioni di orione ma, francamente, una situazione disastrosa come quella di oggi non me la potevo nemmeno immaginare!

 

Di Tamburino sapevamo già cosa aspettarci.

La Matone è in altre faccende affaccendata e pensa più a Porta a Porta che a noi poveri guardia carcere.

Su Pagano stendiamo un velo pietoso della serie “come un buon provveditore può diventare un pessimo vice capo dipartimento”.

Turrini Vita ha confermato la sua vocazione teorica ed accademica; in altre parole di amministrare il personale non ci capisce un tubo.

Tutta la restante dirigenza del dap (nessuno escluso) non muove un dito: chi per incapacità, chi per svogliatezza, chi per vigliaccheria e chi perché “chi me lo fa fa’”.

Ha detto bene l’autore dell’articolo se siamo sopravvissuti alla maledizione dei maya sopravvivremo pure a ‘sta schifezza, ma certo che come dicevano aldo giovanni e giacomo: “potevamo rimanere offesi!”