www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 04/02/2013  -  stampato il 10/12/2016


BeneDUCE candidato al Senato: si sente giÓ un politico e preferisce difendere chi getta fango sulla Polizia Penitenziaria

Il “conflitto d’interessi” era evidente già dall’inizio: come può può il segretario generale del secondo sindacato di Polizia Penitenziaria, candidarsi nello stesso partito in cui viene acclamata (e garantita con un seggio al Parlamento) la sorella di Stefano Cucchi, tossicodipendente morto in circostanze ancora da chiarire, dopo l'ennesimo arresto per traffico di sostanze stupefacenti, per le quali è in corso un processo che vede tra gli imputati anche tre colleghi della Polizia Penitenziaria.

Che qualcosa stonasse era evidente anche al sig. BeneDUCE che nel suo proclama di discesa in campo dichiarava testualmente: “Si insinuerà, (il grassetto è nostro ndr) infine, che sono candidato nella stessa formazione politica che annovera tra le proprie fila chi (ad es. Ilaria Cucchi) non ha mai parlato bene di Noi, o che ha persino accusato la Polizia Penitenziaria.”.

Eh già, si insinuerà... ma talvolta la realtà è peggio della fantasia e certe cose si verificano quando meno te l’aspetti.

E’ arrivata il primo febbraio 2013, a meno di un mese dalle elezioni, quando la futura Onorevole Ilaria Cucchi (è candidata in talmente tanti seggi per Rivoluzione Civile che la sua nomina è assicurata), nella trasmissione radiofonica “La Zanzara” di Radio24 ha detto che ad uccidere suo fratello è stata la Polizia Penitenziaria e che, anche se dal processo tuttora in corso sta emergendo un’altra verità, che potrebbe scagionare i colleghi imputati, lei non crede in questi magistrati che hanno dei preconcetti perchè, insieme al Pubblico Ministero, che non nutre simpatia nei suoi confronti, stanno nascondendo la verità. Cucchi: "mio fratello ucciso dalla Polizia Penitenziaria, non credo a questo processo"

Sorvoliamo sul fatto di come un futuro Parlamentare della Repubblica si permetta di “sconfessare” i Giudici, il PM, il processo ancora in corso, numerose perizie, un'indagine amministrativa del Capo Dap e un intero Corpo di Polizia dello Stato perchè non sta a noi difendere il Potere Giudiziario dello Stato italiano. Pur tuttavia, la Sig.ra Cucchi verrà comunque eletta, qualunque cosa dica nei prossimi giorni, perché a mandarla in Parlamento non saranno gli elettori, ma il Partito dei Tre P.M. (Ingroia, Di Pietro e De Magistris) che le hanno garantito più di un posto in liste sicure.

Ma non tutto  può passare inosservato!

Il giorno successivo a quello in cui la Sig.ra Cucchi ha gettato fango inutile e gratuito sull’intero Corpo di Polizia Penitenziaria, ergendosi a Giudice unico e supremo detentore dell'unica e profonda verità su quanto accaduto a suo fratello, il “nostro” ex sindacalista della Polizia Penitenziaria, il Sig. BeneDUCE, si è prodigato in una strenua, quanto patetica, difesa della futura parlamentare, senza spendere una, dico UNA, parola a favore della Polizia Penitenziaria (dei suoi stessi colleghi) imputata nel processo penale e nel "processo personale" della Sig.ra Cucchi. Beneduci: inqualificabili gli attacchi di Giovanardi alla sorella di Stefano Cucchi

Come farà BeneDUCE a gestire e risolvere questo conflitto, solo lui lo sa. Evidentemente è già talmente entrato nel ruolo di politico dal dimenticare le sue origini di poliziotto penitenziario e preferisce difendere il suo schieramento politico, piuttosto che sprecare una parola in difesa della Polizia Penitenziaria!

Per il resto, oggi abbiamo una certezza in più (come se ce ne fosse bisogno): il Sig. BeneDUCE è candidato (senza speranze di diventare Parlamentare) nello stesso partito in cui è candidata (con la certezza assoluta di diventare Parlamentare) la stessa persona che infanga la Polizia Penitenziaria, avendo la presunzione di andare in giro con LA VERITA’ in tasca.

E la nostra non è una insinuazione, ma una pura, semplice (e triste) verità !

 

BeneDUCE candidato al Senato: il suo difensore d'ufficio cosa dice ora che il suo candidato volta le spalle alla Polizia Penitenziaria?