www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 12/02/2013  -  stampato il 07/12/2016


Capo della Polizia Penitenziaria per un giorno: Tamburino smentisce Maurizio Torrealta e Rivoluzione Civile

E’ il Capo DAP che avremmo sempre voluto avere e ha detto le parole che ogni volta avremmo voluto leggere: almeno ogni volta che la Polizia Penitenziaria viene “attaccata alle spalle”, addirittura da un candidato al Parlamento al cui fianco corre un ex sindacalista del Corpo stesso.

Il Sig. Giovanni Tamburino stavolta ha finalmente dato via libera al suo Ufficio Stampa e ha confezionato un comunicato che smentisce categoricamente le parole del giornalista Maurizio Torrealta, candidato per Rivoluzione Civile, il quale, qualche giorno fa ha detto che “Nelle carceri italiane viene applicato un protocollo segreto che obbliga la Polizia Penitenziaria a mantenere il segreto su qualsiasi evento accada all'interno e a riferirlo esclusivamente all'Aisi. (i Servizi Segreti interni, l’ex SISDE – ndr)”.

Il Ragioniere Ugo Fantozzi avrebbe detto: “è una cagata pazzesca” e Torrealta non avrebbe meritato altra risposta, ma Tamburino è pur sempre un magistrato e ha usato altre parole il cui senso rimane quello di fantozziana memoria.

Ci uniamo al Capo del DAP che per un giorno ha indossato anche i panni da Capo della Polizia Penitenziaria, il Corpo per cui riceve lauto stipendio e numerosi altri benefit istituzionali, e per un giorno godiamoci questo stato di grazia. Godiamoci le parole dell’Ufficio Stampa del DAP che per un giorno ha saputo fare il proprio lavoro e che ha detto chiaro e tondo che stavolta Torrealta ha preso una cantonata pazzesca.

Questa storia comunque continua a puzzare. Torrealta non è uno sprovveduto, un ragazzetto alla prime esperienze in “cronaca” in un giornalino di quartiere. Torrealta è un affermato e seguitissimo giornalista-scrittore, autore di libri che hanno scandagliato anche lati oscuri della Repubblica e delle Istituzioni. Per questo la sua leggerezza e la sua approssimazione per aver rilasciato certe dichiarazioni durante la sua campagne elettorale, stonano ancora parecchio.

E’ imbarazzante anche il silenzio del solito BeneDUCE che si è candidato in un Partito politico pensando di avere un grande ritorno d’immagine e che invece è sorpassato quasi quotidianamente dai suoi stessi compagni di Partito che rilasciano dichiarazioni infamanti sulla Polizia Penitenziaria; senza che lui senta il bisogno di dire una parola in difesa di quello che è il Corpo di cui, fino a qualche giorno fa, diceva di “difendere” con il SUO “sindacato”.

Ma oggi siamo felici! Per una volta, vogliamo ringraziare il Capo DAP e il suo Staff che ha saputo ribattere al fango lanciato gratuitamente sulla Polizia Penitenziaria.

Rimane il dubbio del perché Torrealta abbia commesso una simile dilettantistica leggerezza e rimane anche il dubbio se davvero Tamburino sarebbe sceso in campo per smentire le dichiarazioni di Rivoluzione Civile in tema di carceri, se non fosse stato incalzato anche (anzi solo) dalle nostre richieste di intervento: Torrealta dice che la Polizia Penitenziaria nasconde notizie alla magistratura. Come rispondono Capo Dap e Capo Ufficio Ispettivo?

Per un giorno illudiamoci che lo avrebbe fatto comunque.

Questi sono tempi incredibili: il Papa che si dimette, l’Ufficio Stampa del DAP che fa il suo lavoro …