www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 17/02/2013  -  stampato il 06/12/2016


Candidatura Beneduci: invece di fare autocritica, Nicotra se la prende con il Sappe

Sul sito dell’osapp è comparsa una replica del Segretario Nazionale Nicotra al nostro ultimo articolo sulla candidatura del signor Beneduci.

Siamo davvero stupiti che il Signor Nicotra si sia stupito.

Non vorremmo che qualcuno pensasse di avere una coscienza pulita soltanto perché non l’ha mai usata.

E la memoria? Funziona solo quando fa comodo.

Forse il Signor Nicotra (e il suo capo) hanno dimenticato (o fingono di aver dimenticato) tutte le campagne, spesso sotterranee e striscianti, contro il Sappe.

Forse il buon Nicotra ha dimenticato (o finge di aver dimenticato) che il suo sindacato ha fatto dell’attacco al Sappe la sua unica ragione di vita degli ultimi quindici anni.

Per quello che ci riguarda, comunque, non abbiamo mai voluto alimentare l’odio contro nessuno e dietro questa campagna di informazione (perché solo di questo si tratta) c’è soltanto l’intenzione di far sapere a tutti i nostri colleghi con chi ha scelto di candidarsi il signor Beneduci.

Se il Signor Nicotra avesse seguito con più attenzione la nostra rivista on line, avrebbe avuto modo di leggere alcuni passaggi nei quali abbiamo affermato chiaramente che avremmo potuto anche condividere la candidatura del signor Beneduci (e magari addirittura votarlo) laddove non avesse scelto la lista che ha scelto.

Una cosa è certa: riteniamo assolutamente vergognoso che un poliziotto penitenziario si sia candidato in una lista insieme a Ilaria Cucchi, ai No Tav e a chi canta l’internazionale a pugni chiusi al funerale dell’assassino della scorta di Aldo Moro.

Parli di questo il Signor Nicotra se ne ha il coraggio e ci risparmi i moralismi ipocriti e fuori luogo accettando, per una volta, di sedere sul banco degli imputati.

O forse il Signor Nicotra, il signor Beneduci e l’osapp pensano di poter sempre e comunque giudicare gli altri e non essere mai giudicati?

 
 
P.S.

E’ davvero sorprendente sentir parlare un dirigente dell’osapp di “alimentare odio verso coloro che pensano diversamente”

Anche così, su due piedi, ci vengono in mente decine e decine di episodi che hanno visto protagonista quel sindacato.