www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 05/08/2013  -  stampato il 05/12/2016


Oltre che con la gestione delle carceri, Tamburino ha problemi anche con la matematica: per lui il 63% è “la quasi totalità” !

Sembra il MinCulPop all’apice della sua parabola. Sembra di leggere Galeazzo Ciano, quando diceva che il Duce era “fulgido esempio di forza e coraggio” e ai suoi comizi c’erano “moltitudini di folla in delirio” o, ancora, che Mussolini “lavorava diciannove ore al giorno” e i suoi treni “arrivavano sempre in orario”…

Proprio alla stessa stregua, Giovanni Tamburino, “duce” di questa derelitta amministrazione penitenziaria, ha diffuso una velina nella quale ha dichiarato che il suo progetto di vigilanza dinamica è stato approvato dalla quasi totalità delle organizzazioni sindacali”.
Peccato che poi, quando vengono indicate le organizzazioni sindacali della Polizia Penitenziaria che hanno approvato il suo progetto, si scopre che queste sono solo 6, in rappresentanza del 63% del personale.
Per Tamburino, insomma, il 63% significa “la quasi totalità dei sindacati”.

Riunione sorveglianza dinamica: il comunicato stampa del DAP

Nemmeno una parola sulla questione, per lui puramente incidentale, che il Sappe – prima organizzazione sindacale del Corpo con il 30% di rappresentatività - ha disapprovato fermamente il suo progetto, motivando il dissenso con una nota di sei pagine indirizzata alla Ministro Cancellieri.

Nemmeno un accenno al fatto che il Sappe – prima organizzazione sindacale del Corpo con il 30% di rappresentatività –chiede da mesi il suo avvicendamento (richiesta ribadita di recente anche con una lunga nota al Capo dello Stato Giorgio Napolitano).

Per quello che ci riguarda non interessa minimamente che Tamburino ignori il dissenso e la disapprovazione del Sappe, dal momento che continueremo ad indirizzare le nostre richieste ad altre sedi istituzionali, ma tuttavia non è accettabile che chi riveste il ruolo di Capo del Dap mistifichi in questo modo la realtà.

Per questo motivo, il Sappe ha inviato una ulteriore nota alla Ministro Cancellieri affinché solleciti Giovanni Tamburino a rettificare il comunicato diffuso, specificando di avere  il consenso del 63% delle OO.SS. e dando atto che il Sappe  – prima organizzazione sindacale del Corpo con il 30% di rappresentatività – contesta il suo progetto e totalmente la sua politica gestionale.

E’ appena il caso di ribadire, ancora una volta, che Giovanni Tamburino di fronte alla drammatica situazione delle carceri italiane, che ricade interamente sotto la sua responsabilità in ragione dell’incarico rivestito (per il quale percepisce ben oltre 300,000 euro l’anno), continua ostinatamente ad occuparsi a tempo pieno di un modestissimo progetto di vigilanza dinamica, potenzialmente applicabile al dieci per cento degli istituti, lasciando il restante 90% delle carceri completamente abbandonate a se stesse. 

 

leggi il comunicato di Tamburino: http://www.poliziapenitenziaria.it/public/post/riunione-sorveglianza-dinamica-il-comunicato-stampa-del-dap-2649.asp

leggi la nota del Sappe alla Ministro: http://www.sappe.it/rewrite/public/17247-sappe-scrive-alla-ministro-cancellieri-chiedendo-rettifica-comunicato-dap-su-vigilanza-dinamica.asp

leggi la nota al Ministro sulla vigilanza dinamica: http://www.sappe.it/rewrite/public/17186-il-sappe-non-risponder%E0-a-convocazione-1-agosto-sulla-vigilanza-dinamica.asp