www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 25/09/2013  -  stampato il 11/12/2016


CCF Rebibbia Femminile : arrivano le agenti del 166 corso

Il loro arrivare, quasi tutte allo stesso momento appare come una gran  “bella boccata d’ossigeno”. Dico “Appare”! Perché purtroppo sono ben consapevole, che il loro arrivo non risolve, di certo, la carenza di personale che riguarda la CCF Rebibbia! Infatti, a breve con l’attuale Interpello Nazionale, altrettante unità, andranno trasferite presso altre sedi.

Ma, ad oggi non ho potuto fare a meno di fotografare questa realtà, che mi avvento a definire “il sogno del poliziotto penitenziario” che lavora nel Carcere. Una realtà che se pur temporanea fa ben comprendere quanto sia importante il numero degli “addetti ai lavori”!

Entrare in sala conferenza, sede d’incontro prima della presa servizio, ed incontrare gli sguardi delle colleghe, “contente se pur coscienti che tale abbondanza durerà poco”! Però è piacevole vivere tutto ciò che sembra parte di un sogno!

Si! Dico il sogno perché purtroppo ad oggi basta entrare in qualsiasi Carcere d’Italia per accorgersi che il personale di Polizia Penitenziaria, risulta essere sempre in continua diminuzione! Quando invece la vigilanza e la sicurezza parte proprio da quanti “addetti” sono in gioco!

Diventa difficile lavorare, quando si viene comandati per svolgere più servizi insieme, quando in un reparto detentivo ci si ritrova, nella migliore delle ipotesi cinque agenti per oltre duecento detenute. E potrei continuare ad oltranza! Difficile è la realtà detentiva femminile e ancor più drammatica quando viene affrontata la realtà detentiva maschile!

Ad ogni modo, oggi più che mai sono convinta di quanto sia importante e diverso lavorare nel Carcere senza dover parlare di carenza di personale! Perché vigilanza e sicurezza in primis parte proprio dai poliziotti penitenziari, Uomini e Donne che indossano una divisa, nella quale credono e sono convinti di poter dare il meglio di sé! Poliziotti che di certo non possono essere lasciati allo sbaraglio!

AG.TE SCELTO ARGENTO RITA