www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 02/10/2013  -  stampato il 02/12/2016


Eugenio Sarno: excusatio non petita accusatio manifesta

Il Coordinatore della Uil penitenziari ha perso la pazienza.
 
Pensate che ha addirittura interrotto il World Tour Fotografico nelle carceri (lato detenuti) per replicare ad un nostro articolo.
 
Peccato che l’articolo non chiedesse replica. Facevamo solo qualche innocente osservazione sulla “confusione dei ruoli”:  il coordinatore della uil penitenziari, talvolta, non sa più chi rappresentare: poliziotti, civili, detenuti …
 
Certo è affar suo, ma diventa anche affar nostro quando ci tira in ballo: le sue dichiarazioni sul “fumo passivo” (e non sul divieto di fumo) replicavano al Sappe non certo alla Regina Elisabetta.
 
Comunque sia, noi che non andiamo in giro a fotografare le celle dei detenuti, abbiamo anche il tempo, volendo, di “spiegare” quello che proponiamo al nostro eroe dei “tre mondi” (poliziotti, civili e detenuti).
 
La battaglia sul fumo passivo non è indirizzata verso il divieto assoluto nelle carceri, ma verso la realizzazione di aree dedicate, di depuratori d’aria e – soprattutto – verso il riconoscimento delle malattie causate al personale come dipendenti da causa di servizio!
 
Se il buon Sarno avesse chiesto prima qualche spiegazione, probabilmente, avrebbe evitato l’ennesima “figurella” …
 
EXCUSATIO NON PETITA, ACCUSATIO MANIFESTA.