www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 31/10/2013  -  stampato il 03/12/2016


E’ nel corpo della Polizia Penitenziaria che, ogni giorno s’incontrano uomini e donne indispensabili !

Il Corpo della Polizia Penitenziaria, nasce con lo scioglimento del Corpo degli Agenti di Custodia e la soppressione del ruolo delle Vigilatrici Penitenziarie.  Quest’ultimi confluiti, secondo le modalità e le norme di inquadramento indicate dalla Legge madre, quale n. 395 del 15 dicembre 1990.

Da ieri sino ad oggi, è nel Corpo della Polizia Penitenziaria che, s’incontrano uomini e donne indispensabili! Protagonisti di compiti istituzionali di particolare importanza, ovvero: vigilanza armata degli istituti penitenziari; vigilanza ed osservazione dei detenuti ed internati addetti alle lavorazioni esterne; portineria; vigilanza ed osservazione nelle sezioni degli istituti penitenziari; vigilanza nelle infermerie e nelle altre strutture aventi carattere sanitario; vigilanza ed osservazione sulle attività lavorative e scolastiche, sui colloqui, sulla corrispondenza epistolare e telegrafica, sulla corrispondenza telefonica dei detenuti ed internati all’interno degli istituti penitenziari; vigilanza sui beni dell’Amministrazione; ordine e sicurezza pubblica e pubblico soccorso.

E non finisce qui! Perché è bene richiamare l’attenzione anche sui vari Servizi e Specialità del Corpo di Polizia Penitenziaria, quali: servizio navale; traduzione e piantonamenti; gruppo operativo mobile; servizio cinofili; servizio a cavallo; nucleo investigativo centrale specializzato in catture di latitanti; ufficio per la sicurezza personale e per la vigilanza; servizio telecomunicazioni; gruppi sportivi “Fiamme Azzurre” e “A.S. Astrea Calcio”; banda musicale del Corpo di Polizia Penitenziaria; nucleo operativo regionale; centrali operative regionali; centrale operativa nazionale; servizio di polizia stradale; matricolista; informatico; casellario archiviazione beni; addetto ai detenuti minorenni; armaiolo e armaiolo capo; istruttore di tiro; conduttore cinofilo antidroga e istruttore cinofilo antidroga. In ultimo sono istituiti con Decreto del Presidente della Repubblica 31 luglio 1995 n. 395, art. 23 le mansioni di elicotterista, tiratore scelto e sommozzatore, tuttavia, non ancora operativi perché in attesa di emanazione del necessario Decreto Ministeriale.

Insomma che dire! E’ proprio la qualità di questi compiti istituzionali che deve far riflettere sull’importanza del Corpo di Polizia Penitenziaria! Un corpo di polizia, che deve crescere sempre di più ogni giorno! Nonostante, di strada, da ieri a oggi ne è stata fatta tanta! Questo ancora non basta! Bisogna andare oltre. E laddove un traguardo si raggiunge, iniziare a pensarne subito ad un altro, senza mai fermarsi.