www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 24/02/2014  -  stampato il 03/12/2016


Altro giro, altra corsa ... arriva il nuovo Ministro e al DAP corrono i leoni e le gazzelle!

Lo volete sapere perché WhatsApp è collassato l’altro ieri?

Di certo non per i messaggi che si sono scambiati i Dirigenti DAP, perché loro stanno ancora prendendo confidenza con le email e qualcuno è ancora fermo ai fax.

Ma di sicuro, dopo la nomina di Andrea Orlando al Ministero della Giustizia, è scattato quel misto di efficienza ed efficacia che i Dirigenti DAP mettono in pratica solo in occasioni del genere.

Al DAP infatti sono giorni di stress intensissimo. Ognuno dei Dirigenti e aspiranti Dirigenti cerca di ri-posizionarsi nella scala gerarchica del più immobile Dipartimento dell’intera Amministrazione Pubblica.

Fioccano perciò le telefonate, le chiacchierate, le soffiate per avvicinare il Ministro o i burocrati a lui più vicini o i depistaggi per far “bruciare” definitivamente il Dirigente-Concorrente.

Le pagine delle agende telefoniche (i numeri che contano non sono sui telefonini) corrono veloci alla ricerca di un cugino, di un vicino di casa, di una lontana zia che possa in qualche modo avere a che fare con il nuovo Ministro.

Rifioriscono le vecchie amicizie mentre si affilano i coltelli per vendicare i torti subiti nell’ultima partita di Governo.

In questi momenti anche un usciere può fare la differenza ... Un autista vale oro ... Una segretaria può essere l’anticamera dell’inferno o del paradiso, dipende da come la si è salutata in questi ultimi mesi.

Di questi tempi, perfino un poliziotto penitenziario che lavora in Via Arenula, può essere fondamentale per un posto al sole nel prossimo giro di valzer! 

E così al Dap, adesso, la mattina, che tu sia leone o gazzella, devi correre per sopravvivere ...