www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 03/04/2014  -  stampato il 05/12/2016


La mafia puņ essere combattuta ogni giorno da ciascuno di noi ...

Giovanni Falcone disse che la mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un inizio e un termine.

Con queste parole il magistrato voleva sottolineare la forza dello Stato (quando fa lo Stato) che prima o poi inevitabilmente avrebbe sconfitto la mafia.

Io sono ottimista come Giovanni Falcone (e questo è l'unico paragone possibile), ma tra quell’inizio e quella fine della mafia c’è di mezzo il fattore umano e, quindi, deve esserci un intervento diretto e quotidiano a ogni livello da parte di tutti altrimenti la mafia terminerà sì, ma terminerà quando terminerà l’umanità …

C’è poi un’altra riflessione che volevo fare. La mafia, da quanto emerge nei processi degli ultimi anni, non è solo quel fenomeno portato avanti da pastori siciliani particolarmente violenti e disposti a passare la propria esistenza dentro loculi scavati sotto terra in qualche casa oppure in remoti casali, ma è un continuum fatto di compiacenze e contaminazioni a tutti i livelli.

Polizia Penitenziaria contro la mafia

ALTRI POSTER CONTRO LA MAFIA POTRETE TROVARLI IN QUESTA PAGINA: http://good50x70.org/

Più precisamente la mafia, per me, è un comportamento, un modo di vivere!

Mafioso è un termine che andrebbe adottato in ogni situazione in cui si deve o si vuole ricorrere ad un favore di un altro per soddisfare un proprio diritto o un proprio privilegio.

Per questo, rivolgendomi a tutti gli aspiranti poliziotti che vorrebbero contribuire a combattere la mafia entrando nel gruppo della Polizia Penitenziaria della DIA, vorrei suggerire un modo più semplice, più diretto e, forse, anche più efficace di combattere la mafia.

Opporsi ad ogni comportamento in cui un qualsiasi collega chiede o offre un favore per ottenere un vantaggio. Partendo prima di tutto da se stessi perché, diciamocelo chiaramente, ognuno di noi adotta comportamenti mafiosi quando chiede un favore al direttore arrendevole, al sindacalista compiacente o al politico locale di turno. Ogni favore comporta, inevitabilmente, un debito e nel lungo periodo, non possiamo dimenticare e lamentarci sempre dei direttori, dei sindacati, dei colleghi ...

Volete combattere la mafia? Iniziate dal vostro posto di lavoro.

Iniziate a non chiedere e non offrire favori. Non sarà una battaglia facile ma, tanto, o si inverte la rotta oppure andrà sempre peggio, come i fatti stanno dimostrando ogni giorno di più.

 

Fermare l'immunità dei Dirigenti del DAP. Cosa può fare la Polizia Penitenziaria?