www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 18/06/2014  -  stampato il 08/12/2016


Festa dei bambini al carcere femminile di Rebibbia: poliziotti e propri figli insieme

Si è svolta nella mattinata del 7 giugno 2014, presso il giardino del Direttore della Casa Circondariale Femminile di Roma Rebibbia, un lieto evento, intitolato “Festa dei Bambini”.

Un’occasione di grande armonia, dedita a tutto il personale che lavora quotidianamente nella realtà dell’Istituto in menzione. Personale, invitato a partecipare, insieme ai propri figli, nipoti e familiari.

Ore 9.00 tutto ha inizio. Particolarmente curata la location: in prima fila, vi sono esposti alcuni automezzi del Corpo della Polizia Penitenziaria, e ben si conosce la loro grande importanza : “attraverso i quali la Sicurezza dal Carcere si sposta verso l’Esterno.”

Proseguendo, particolarmente gioviale il clima che s’incontra: palloncini e nastrini, predisposti in ogni dove, tavoli banditi con pizzette, dolci e bevande portati dal personale stesso, che entusiasta ha partecipato con l’intento di vivere una giornata diversa dal solito.

Sono le ore 9:30 quando i presenti, vengono raccolti per la visita all’azienda agricola con contestuale incontro con l’agronomo. A tutt’oggi: una vera e propria grande risorsa del Penitenziario Romano di Rebibbia Femminile.

Ed ecco da lì a poco, arrivare, il momento tanto atteso dai bambini: l’animazione nel giardino del Direttore a cura dell’Associazione A Roma Insieme. Un susseguirsi di giochi di squadra, che hanno ancor di più rallegrato la mattinata. Soddisfatto il personale all’uopo.

Alla fine, si può ben dire che tutto si è svolto con molta semplicità e di fatto, spesso il buon esito dipende proprio da questo.

Perché laddove si interviene per creare momenti di incontro per il personale, si è sempre in presenza di una grande conquista! E bastava, scambiare due parole con uno dei presenti, per comprendere in uno solo istante la viva gratificazione in merito a quanto organizzato.

Chi quotidianamente lavora, ha bisogno anche di questi attimi di condivisione, che inevitabilmente contribuiscono a rafforzare il legame con la struttura ove si presta servizio.

D’altronde, ben si conosce la difficile realtà del lavorare negli istituti penitenziari. Oggi è un tema ampiamente dibattuto. L’auspicio è sempre lo stesso attendere delle vere e proprie strategie d’intervento a tutela di chi lavora.

Preziosa a tal proposito, è l’ultima circolare del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, la n. 0140584 del 15.04.2014 Diritti e Benessere del Personale.

In ogni posto di lavoro, si trascorrono diverse ore che influenzano di fatto la propria persona e il proprio modo di pensare.

Chi lavora deve sentire un’Amministrazione Penitenziaria presente a 360°, affinché si possa procedere in un percorso comune di crescita e di valorizzazione.