www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 18/07/2014  -  stampato il 09/12/2016


Convegno sentenza Torreggiani con psicologi e psichiatri: forse qualcuno al Dap ne cercava "uno bravo" ?

Nei giorni scorsi, dal 7 al 9 luglio, l’amministrazione penitenziaria ha organizzato una serie di incontri nel carcere di Sant’Angelo dei Lombardi dal titolo “La sentenza Torreggiani: opportunità o limite per l’amministrazione della giustizia in Italia?”.

Alla tre-giorni hanno partecipato numerose personalità ed esperti del settore che si sono alternati durante le sessioni mattutine e pomeridiane. In tutto erano previsti 44 interventi.

Ora provate ad indovinare: quanti interventi sono stati messi a disposizione dell’unica Forza di Polizia, quella Penitenziaria, che 365 giorni l’anno, per 24 ore al giorno svolge svariati compiti all’interno delle carceri e che quindi, presumibilmente, conosce il carcere in tutte le sue problematiche e in tutti i suoi risvolti? Venti interventi? Dieci? Cinque? Due?

Uno.

Un unico intervento è stato messo a disposizione della Polizia Penitenziaria che nella figura del Comandante di Reparto della Casa di Reclusione Sant’Angelo dei Lombardi, ha affrontato l’argomento: “La vigilanza dinamica: un nuovo modello di fare sorveglianza”.

In pratica l’amministrazione penitenziaria ha dato l’incarico ad un funzionario di Polizia Penitenziaria di illustrare il modello di viglianza dinamica "inventato" da Tamburino che, tra l'altro, mette in pericolo l’incolumità dei Poliziotti e che rende ancora più problematiche le relazioni tra i detenuti e la loro gestione in sicurezza.

In pratica: oltre il danno la beffa!

Non conosciamo i motivi per cui proprio il nostro collega si sia reso disponibile a trattare l'argomento e in che modo l'abbia trattato, ma ci auguriamo che nessuno abbia potuto pensare che la Polizia Penitenziaria accetta e anzi legittima certe scelte  del DAP che mettono a rischio l’incolumità dei colleghi e che nulla risolvono per recuperare alla Società le persone detenute.

Il Sappe (il Sindacato più rappresentativo della Polizia Penitenziaria) fino a qualche settimana fa è stato l’unico Sindacato ad opporsi con forza all’idea di lasciare i detenuti nelle sezioni e nei reparti, senza attività trattamentali, senza lavoro e/o formazione, perchè peggiora soltanto (anziché migliorarle) le condizioni di vita e le possibilità di recupero delle persone detenute.

Ora, dopo numerose aggressioni da parte di detenuti nei confronti dei Poliziotti penitenziari e le risse tra bande rivali di detenuti, si stanno timidamente affacciando anche altri sindacati a sollevare dubbi sull’opportunità di aprire le celle per molte ore della giornata, lasciando centinaia di persone senza fare nulla tutto il giorno.

A giudicare dalle competenze e dagli ambiti lavorativi dei partecipanti poi, per la stragrande maggioranza appartenenti al settore Psicologia-Psichiatria, c’è da chiedersi se la vera ed unica “opportunità” di questo convegno non sia stata quella di far visitare “da uno bravo” chi partorisce certe idee ...

Ecco l’elenco delle figure istituzionali che sono intervenute e poi dite la vostra commentando questo articolo…

Direttore Generale ASL Avellino
Coordinatore uffici odi sorveglianza
Componente Commisione lavoro della Camera dei Deputati
Componente Commissione affari sociali della Camera dei Deputati
Componente Commissione lavori pubblici e comunicazione del Senato
Componente Commissione affari costituzionali del Senato
Componente Commissione giustizia della Camera dei Deputati
Arcivescovo Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia
Direttore ufficio esecuzione penale esterna Campania
Direttore ufficio detenuti e trattamento Campania
Presidente ordine degli avvocati Sant’Angelo dei Lombardi
Presidente ordine degli avvocati Avellino
Presidente ordine medici chirurghi di Avellino
Presidente ordine psicologi della Campania
Vice presidente ordine degli assistenti sociali della Campania
Funzionario giuridico pedagogico CR Sant’Angelo dei Lombardi
Medico legale Procura di Avellino
Comandante di Reparto Polizia Penitenziaria CR Sant’Angelo dei Lombardi
Psicopatologo forense criminologo e neuropsichiatra ASL di Avellino
Presidente centro servizi volntariato Provincia Benevento
Docente medicina legale Università Federico II di Napoli
Responsabile sanità penitenziaria ASL Avellino
Direttore consultorio Avellino
Presidente Cooperativa sociale Il Germoglio
Responsabile osservatorio carceri Camera Penale Irpina
Responsabile SERT di Grottaminarda - ASL di Avellino
Presidente Camera Penale Irpina
Direttore ufficio esecuzione penale esterna Avellino
Presidente Istituto campano psicologia giuridica
Capo area trattamento CR Sant’Angelo dei Lombardi
Psicopatologo forense ASL Avellino
Funzionario amministrativo contabile CR Sant’Angelo dei Lombardi
Consigliere delegato Consorzio EUBEO Università di Napoli
Volontario CR Sant’Angelo dei Lombardi
Psicoterapeuta Giuidce Onorario Tribunale Sorveglianza di Napoli
Responsabile area sanitaria CR Sant’Angelo dei Lombardi
Direttore scientifico scuola campana di neuropsicologia
Provveditore regionale amministrazione penitenziaria Campania
Comunità Sant’Egidio
Garante detenuti Regione Campania
Vice presidente Federsolidarietà - Confcooperative
Presidente Tribunale Sorveglianza di Napoli
Vice Capo del DAP
Sottosegretario Ministero della Giustizia

 

Sorveglianza dinamica e apertura delle celle: quello che il DAP non dice ...

 

Salerno, risse tra clan rivali all'interno del carcere

 

Ma quale emergenza carceri finita? Il Sappe chiede di fermare la vigilanza dinamica