www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 12/09/2014  -  stampato il 10/12/2016


Le proposte di Nicola Gratteri: abolire la DIA e chiudere il DAP

Abolizione della Direzione Investigativa Antimafia e utilizzo degli investigatori nelle forze di polizia di provenienza. Chiusura del Dap, il cui direttore guadagna 20mila euro al mese. E ancora: riduzione delle Corti di appello e dei Tribunali, spostamento dei magistrati dalle sedi in soprannumero ("a Palermo il 35% di pm in più").

Tagli concreti e non lineari per riformare davvero la giustizia. Il procuratore aggiunto di Reggio Calabria Nicola Gratteri interviene alla Festa del Fatto Quotidiano e parla delle sue proposte che dal prossimo autunno arriveranno sul tavolo del presidente del Consiglio. "Lo sapete che io sono un ministro mancato". Comincia con una battuta il suo intervento, anche se nei fatti è la realtà. Dato per favorito come guardasigilli per il governo Renzi, è stato sostituito poco prima dell'annuncio dell'esecutivo.

Nicola Gratteri Ministro della Giustizia fino all'ultimo: poi il sospetto del veto di Napolitano

Oggi guida la commissione che deve redigere norme e procedure per combattere la criminalità organizzata e annuncia le proposte che verranno fatte nei prossimi mesi. "Io lo posso dire aboliamo la Dia", continua. Critica dirigenti, uffici e segreterie in soprannumero mentre gli stessi uomini potrebbero essere riportati sul territorio. Sono queste le propose che avrebbe fatto se fosse arrivato al dicastero della giustizia.

"Nessuno ha il coraggio di farlo, i politici mi chiamano e mi dicono: "Se lo facciamo ci danno dei mafiosi". Allora lo dico io. Non possiamo pensare che non si possa chiudere un tribunale inutile. Non possiamo lasciare il 35 per cento di magistrati in più alla procura di Palermo. O si ha il coraggio di mandare a regime il ministero della giustizia oppure non cambierà mai nulla. Tra Marche, Abruzzo e Molise non ci possono essere tre corti d'appello.

In Sicilia, ad esempio, non possono essercene quattro. In un distretto con meno di mille detenuti non possiamo avere il tribunale di sorveglianza. Non possiamo sperperare le energie". La critica è stata soprattutto agli interventi poco incisivi del passato: "Io sono d'accordo anche nel fare tagli, ma negli ultimi governi sono stati fatti solo quelli lineari del 5 per cento. Non si è avuto coraggio o la forza di entrare nel merito delle cose.

Bisogna avere la forza di entrare nei ministeri e di chiudere le parti inutili. Vi parlo anche del sud e anche in zone di mafia. Non c'è giusta distribuzione delle forze.

Io capisco le proteste della polizia per il blocco dei contratti. Ma vogliamo risparmiare davvero? Allora chiudiamo la Dia (Direzione investigativa antimafia). Parlo io: risparmiamo in dirigenti e segreterie e affitti e facciamoli tornare sul territorio. Aboliamo il Dap: sapete quanto guadagna un dirigente? 20mila euro". Ed è proprio lì dove, secondo Gratteri bisogna intervenire.

Tra gli altri esempi concreti per evitare gli sprechi: inviare le notifiche attraverso indirizzi email di posta certificata e processi in videoconferenza non solo per i detenuti al 41bis. Poi ancora tablet con le ordinanze di custodia cautelare da far tenere al detenuto in carcere: quando esce i documenti potrebbero essere dati su una penna usb. "Tutte queste idee le presenteremo dal prossimo autunno e gireremo l'Italia per presentarle".

Gratteri guida la commissione incaricata dal presidente del Consiglio per riscrivere le norme e le procedure per il contrasto alla criminalità organizzata. "Io ho accettato di lavorare per questo organo perché si trattava di un impegno gratuito. Ho lavorato tutta estate e in autunno presenteremo le nostre proposte. L'obiettivo è quello di introdurre tante modifiche di modo tale che non sia conveniente delinquere. Importante è pensare a modifiche normative senza preoccuparci di nulla. Siamo dei tecnici e parliamo con tutti i politici: quest'inverno mi vedrete dappertutto, sarò una soubrette, per spiegare le modifiche che noi pensiamo indispensabili per la riforma della giustizia".

Ora prepara il codice antimafia: avvocati e boss in videoconferenza e aumento di pena per il 416 bis. Forte la critica naturalmente per la modifica del 416ter, così come stato fatta dal Parlamento nei mesi scorsi, che ha di fatto depenalizzato il voto di scambio.

Intervista di Giulia Zaccariiello - Il Fatto Quotidiano

 

Gratteri, audizione Senato: si facciano 4 carceri solo per i 41bis

Gratteri: riaprire Asinara per i 41bis, no a Penitenziaria e Forestale nella DIA

Gratteri in Commissione Parlamentare: potenziare il GOM e i 41bis al lavoro gratis