www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 21/11/2014  -  stampato il 11/12/2016


DAP: un Dipartimento di muti ciechi e sordi, grigi come un vecchio telefono della SIP

DAP = Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

Però, secondo me, il dipartimento potrebbe essere chiamato in diversi modi , alcuni poco onorevoli, ma che forse descriverebbero meglio quel carrozzone di Dirigenti burocrati e poliziotti sotto ricatto con un distacco che dura da vent’anni.

 

DIPARTIMENTO DI MUTI

Anno 1993. ventuno anni fa, il “dittatore” Nicolò Amato scriveva al Ministro:

“Per quanto riguarda la divisione stampa della segreteria, si chiede l’autorizzazione dell’Onorevole Ministro a poterne affidare la responsabilità ad un giornalista professionista. Non c’è dubbio infatti che vi è grande attenzione intorno al carcere da parte degli ambienti politici e parlamentari, della stampa della opinione pubblica in genere, e che ogni giorno vi sono fatti e notizie che, per il buon nome del Dipartimento e del Ministero di Grazia e Giustizia di cui esso fa parte, è essenziale vengano presentati esattamente o vengano rapidamente rettificati”.

Parole di ventuno anni fa (quasi ventidue).

Ora invece abbiamo Luigi Pagano, un Vice Capo responsabile anche della Comunicazione, che porta avanti la linea del “basso profilo”, che si è degnato di diramare un comunicato stampa di cinque righe dopo la seconda sentenza di assoluzione dei colleghi della Polizia Penitenziaria al processo Cucchi. Dopo cinque anni di silenzi da parte dell’Amministrazione penitenziaria che hanno pesato come un silenzio/assenso di fronte ad un’opinione pubblica facilmente condizionabile. Non conosco Nicolò Amato, non conosco Luigi Pagano, ma dalla lettura dei libri e circolari del primo e gli interventi del secondo, un’idea me la sono fatta …

 

DIPARTIMENTO DI CIECHI

Imparassero alemeno a leggere certi Dirigenti, almeno ci eviteremmo molti soldi spesi in ricorsi al TAR e Consiglio di Stato. Eviteremmo pure procedure concorsuali che durano decenni (stanno per terminare il Corso i Vice Ispettori esterni del bando del 2002), eviteremmo lettere sindacali di protesta per aberrazioni interpretative da parte di “latinisti” da parrocchia chiamati a dirigere gangli vitali del Dipartimento. Imparassero a contare e guardare i numeri delle statisiche che pure diffondono ogni mese. Salterebbero fuori fatti tanto eclatanti quanto manifesti, se solo ci si degnasse di leggere i dati. Qualcuno prima o poi lo farà. Presto.

 

DIPARTIMENTO DI SORDI

Ogni volta che parlo con un collega della matricola, si finisce sempre a lamentare di come il DAP ancora non si sia degnato di mettere a disposizione due report in più. Basterebbero due righe di codice e gli Uffici Matricola d’Italia dimezzerebbero il loro carico di lavoro in un attimo. Ma a chi lo vai a dire? A gente che ancora invia i fax? A Dirigenti che ti guardano con gli occhi commossi illustrandoti la cartella condivisa che hanno “imposto” nei computer della loro Sezione, quale segno di efficienza del loro illustrissimo operato? Invece di preoccuparsi di quale stanza nell’edificio del DAP si sta per liberare, basterebbe “ascoltare” quel frastuono assordante di suicidi di colleghi della Polizia Penitenziaria che si susseguono almeno uno al mese da almeno un decennio. “Non direttamente collegabili alle condizioni di lavoro” si dice. Ma siamo in grado di dire con altrettanta certezza che condizioni di lavoro stressogene e affaticanti non aggravano certi stati depressivi? Esimi Dirigenti, ascoltate quello che hanno da dirvi gli Assistenti Capo che mandano avanti la maggior parte delle carceri e poi potrete anche lamentarvi delle vostre carenze ... del vostro adeguamento stipendiale ... etc.

 

E’ evidente che questo è un DAP gestito da persone che non sono assolutamente all’altezza della situazione.

Dirigenti anacronistici che non sono assolutamente al passo con i tempi.

Dirigenti grigi e macchinosi come un vecchio telefono a disco rotante della SIP.

Dirigenti al cui confronto, un “dittatore” come Nicolò Amato, sembra uno scrittore di fantascienza !!!