www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 17/11/2014  -  stampato il 05/12/2016


Barletta commemora il Maresciallo Francesco Di Cataldo M.O.V.C.

All'alba del 20 aprile 1978, il Maresciallo del Corpo Agenti di Custodia ( oggi Polizia Penitenziaria) nato a Barletta il 20 .09.1926 in servizio presso la Casa Circondariale di Milano, uscito di casa per recarsi in servizio veniva affrontato da due component delle Brigate Rosse, che gli esplodono sette colpi d'arma da fuoco uccidendolo all'istante.

In data 15.06.2004 gli è stata concessa la Medaglia d'Oro al Merito Civile alla memoria, l'undicesima Medaglia d'Oro di Barletta.

Durante il martellante assedio delle cronache terribili degli "anni di piombo", ci siamo abituati a considerare possibile che dietro l'angolo ci fosse qualcosa di enorme, di estremo.

Ora, capire tutto ciò, percepire tutto ciò, è importante in termini di ridefinizione del ruolo del Maresciallo Francesco Di Cataldo un figlio di Barletta assassinato a Milano.

Il ricordo, la condivisione del dolore e la testimonianza ci uniscono e ci rafforzano nel percorso difficile di crescita: dal dolore un impegno in difesa della vita, creando una rete di solidarietà e una spinta decisive perchè sia riconosciuta pari dignità a tutte le vittime, per questi motivi il 22 novembre 2014, con il patrocinio del Comune di Barletta, del Comitato Tricolore Italiani nel Mondo e della Associazione Internazionale Vittime del Terrorismo, l'Associazione Nazionale Polizia Penitenziaria, in collaborazione con le realtà associazionistiche barlettane, Associazione Nazionale Paracadutisti d'Italia, Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra e l'Associazione Terra è Vita, organizza un pubblico convegno presso la Sala del Consiglio Comunale alle ore 16.30, per far conoscere alla città di Barletta la nobile figura del Maresciallo Di Cataldo, undicesima Medaglia d'Oro barlettana, ma soprattutto per riportarlo a Barletta...

MOTIVAZIONE MEDAGLIA D'ORO AL MERITO CIVILE MARESCIALLO FRANCESCO DI CATALDO

Il 20 aprile 1978 uscito dalla propria abitazione per recarsi in servizio veniva affrontato da due sconosciuti che gli esplodono sette colpi d'arma da fuoco uccidendolo all'istante. Il vile agguato veniva rivendicato dalle Brigate Rosse.

 Francesco Di Cataldo è stato riconosciuto "Vittima del Dovere" ai sensi della Legge 624/1975 dal Ministero dell'Interno e in data 15 giugno 2004 gli è stata conferita la Medaglia d'Oro al Merito Civile alla Memoria.

Al Maresciallo Di Cataldo è intitolata la Sala Convegno del Reparto di Polizia Penitenziaria del carcere Milano San Vittore.

Maresciallo Agenti di Custodia Francesco di Cataldo Medaglia d’Oro al Merito Civile