www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 16/01/2015  -  stampato il 10/12/2016


Supermarket nel parcheggio del DAP: ma dove andremo a finire?

Scandalo, ingiustizia, barbarie, truffa! Non ci sono parole per descrivere quello che ho visto qualche giorno fa. A fare il Giullare di Corte si è troppo impegnati ad adulare i propri Re che ci voleva il mio amico “Geronimo” per indicarmi dalla finestra del Capo del DAP l’involuzione del mercato all’aperto che si svolge nel parcheggio del DAP quasi ogni giorno. Ma vi pare giusto?

Vi sembra corretto che un dipendente pubblico sa costretto a comprare pesce, frutta di vario genere, formaggi e ogni ben di Dio (basta chiedere) e molti generi di prima e seconda necessità tra una macchina e l’altra dell’ampio parcheggio della sede centrale dell’Amministrazione penitenziaria? Al freddo e al gelo d'inverno e al caldo torrido d'estate?

Una volta non era così, ora si rischia la barbarie. Ai bei tempi il servizio era decisamente migliore. Non era necessario esporsi alle intemperie del parcheggio scoperto, ma ci si poteva recare direttamente dal collega che distribuiva “pani e pesci” (dietro pagamento però) agli acquirenti dipartimentali. In questo modo solo qualche minuto in più veniva distolto dall’arduo lavoro dipartimentale e si potevano anche sottoscrivere contratti vari di servizi come assicurazioni, mutui, luce e gas!

Dove andremo a finire? Dove si vuole arrivare?!? Saremo forse costretti a recarci al di fuori del perimetro della sede dipartimentale per acquistare (in orario di servizio) i generi di prima seconda e terza necessità?

Che modi sono questi? Pretenderanno forse che si debba pure timbrare con il cartellino la pausa per la spesa?

Non voglio nemmeno pensarci. Confido che il nuovo Capo DAP sia condotto alla regione dagli altri cortigiani che prima o poi, se continua questo andazzo, saranno costretti anche loro ad esporsi alle intemperie!

Anzi suggerisco che fuori le finestre di Santi Consolo venga installata una carrucola di quelle “napoletane” con un cesto di vimini attaccato ad una fune, così anche il Capo del DAP si renderà conto di quanto si risparmia nelle spese casalinghe…