www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 23/01/2015  -  stampato il 05/12/2016


Dal 2017 addio carta: tutti i documenti della pubblica amministrazione in formato digitale

La Pubblica Amministrazione dovrà abbandonare definitivamente la carta entro il 2017. Nella pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (12 gennaio) del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri c'è finalmente "l'ultimo tassello" di una rivoluzione iniziata più di quindici anni fa e che solo ora può dirsi conclusa (almeno sotto l’aspetto normativo).

Le "Regole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici nonché di formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni" stabiliscono che le amministrazioni hanno 18 mesi di tempo per adeguarsi.

ALLEGATO 1 – GLOSSARIO / DEFINIZIONI

ALLEGATO 2 - FORMATI

ALLEGATO 3 – STANDARD E SPECIFICHE TECNICHE

ALLEGATO 4 - SPECIFICHE TECNICHE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE

ALLEGATO 5 - METADATI

Ovviamente non sarà una transizione facile. L'obbligo di adottare per tutte le amministrazioni pubbliche il documento elettronico nasce dal Codice per l'amministrazione digitale (Cad) Decreto Legislativo 7 MARZO 2005, n. 82 , un Codice che, per le applicazioni tecniche da adottare, sembra a dir poco fantascientifico per il dipartimento dell'amministrazione penitenziaria!

Motivo in più per prendere sul serio l’invito a fare i conti con le nuove tecnologie che devono essere il substrato di altre importanti aspetti mai presi in seria considerazione al DAP quali la formazione (soprattutto dei Dirigenti che ne avrebbero tanto bisogno) e l’adozione di altri modelli di lavoro e di rapporto con i dipendenti.

 

L’’informatica è un supporto fondamentale alla mission del DAP: i nuovi vertici del DAP ne tengano conto

 

Le tecnologie possono essere d’aiuto in carcere per i detenuti e il personale? Dipende...