www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 16/03/2015  -  stampato il 04/12/2016


Governo britannico mette on line sito per conoscere efficienza delle forze di polizia

Dopo aver messo on line un sito internet contenente una mappa interattiva con le statistiche di tutti i crimini commessi in Inghilterra e Galles (basta inserire il codice postale o il nome di una via per conoscere il tasso di criminalità di una particolare area), il Governo britannico ha lanciato il sito internet hmic.gov.uk che rende pubbliche le statistiche relative alle forze dell’ordine.

Si tratta di dati relativi alla comparazione dell’efficienza delle 43 diverse forze di polizia che operano sul territorio secondo chi ha risolto più crimini, chi ha speso, e come, più soldi dei contribuenti e, infine, quanti crimini sono finiti in tribunale e quanti sono rimasti irrisolti.

Visitando il sito si trovano una serie di grafici che permettono di fare comparazioni e scoprire, per esempio, che la Metropolitan Police - responsabile dell’area della Grande Londra - ha affrontato il più alto numero di crimini, mentre nella sola City of London si è registrato il numero più basso.

Quanto alla qualità del servizio, invece, scopriamo che la polizia di Dyfed-Powys, operativa in alcune contee del Galles, negli ultimi 12 mesi ha risolto il maggior numero di crimini tra quelli avvenuti nella propria area.

Per crimini risolti, è ben spiegato nella legenda del sito, si intendono quei casi in cui chi ha commesso il reato ha ricevuto una punizione ufficiale, dal carcere alla semplice sanzione.

La polizia di Dyfed-Powys, per proseguire l’esempio, si trova a circa metà della classifica delle forze di polizia che hanno speso di più nell'ultimo anno rilevato.

In testa c’è la Metropolitan Police, mentre in coda troviamo quella del Lincolnshire.

Inutile dire che l’introduzione di questo servizio è stato accompagnato da una serie di polemiche: c’è chi sostiene che il rendere pubblici questi dati potrebbe ledere la credibilità degli agenti che si trovano a lavorare nelle aree col minor numero di crimini risolti.

C’è anche chi vede il lato positivo e crede che in questo modo gli agenti saranno messi in competizione e spinti a fare del loro meglio per il bene della popolazione.

Ma non è tutto, prossimamente verrà data la possibilità agli utenti di tracciare i singoli crimini, dalla denuncia all’eventuale iter in tribunale.