www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 27/03/2015  -  stampato il 08/12/2016


Caro CED ti scrivo (capitolo quinto): Il Sistema Informativo Direzionale

Sempre nella direzione di una proficua critica costruttiva, merita una considerazione particolare il Sistema Informativo Direzionale (SID) che attualmente è gestito dalla cosidetta SALA SITUAZIONI e che riguarda i detenuti e gli internati presenti negli istituti penitenziari.

Il SID altro non è che una serie di pagine web dinamiche contenenti delle maschere che gli operatori penitenziari devono compilare con cadenza variabile in base al dato a cui ci si riferisce con cadenza giornaliera, mensile, trimestrale e annuale.

Sostanzialmente, il SID rappresenta un contenitore di dati che, una volta inseriti dagli operatori penitenziari periferici, confluiscono in un database "residente al centro”  in modo tale da renderli immediatamente disponibili agli "analisti" del DAP. Peccato però che il collegamento tra centro e periferia avviene con una lentezza intollerabile per gli standard da terzo millennio e (sempre che non vi siano errori di connessione al server, cosa che capita molto spesso, che costringono a ripetere l'intera procedura di inserimento) costringe gli operatori della periferia a continue attese.

Soprattutto per quanto riguarda l’adempimento giornaliero, l’inserimento di tali dati comporta un notevole dispendio di ore/uomo per l'intera amministrazione penitenziaria.

Prima di andare ad analizzare voce per voce quale tipo di dati siano richiesti, è bene chiarire da subito che la quasi totalità di queste informazioni sono già contenute in AFIS, in quanto inserite dagli stessi operatori periferici durante l’ingresso e la permanenza di ogni singola persona detenuta in Istituto.

Ebbene si, pure in questa occasione si parla quindi di uno sperpero di ore/uomo per adempimenti richiesti dal DAP che invece potrebbero essere tranquillamente evitati adottando qualche piccolo accorgimento tecnico che è sicuramente alla portata del personale impiegato presso l'Ufficio per lo sviluppo e la gestione del sistema informativo automatizzato statistica ed automazione di supporto dipartimentale (tanto è più lungo il nome ...).

 

DATI GIORNALIERI

A) La prima serie di informazioni da compilare riguarda la presenza giornaliera di detenuti e internati, specificando in particolare il numero dei tossicodipendenti e dei soggetti stranieri, distinguendoli per sesso e per tipologia (media sicurezza - AS - 41 bis - EIV - collaboratori - semiliberi - art. 21 - semidetenzione ).

Qualunque operatore dell’ufficio matricola che sta leggendo questo articolo, si starà sicuramente facendo una risata (un po’ amara per la verità) sia perché i circuiti penitenziari sono cambiati in forza di una Circolare dello stesso DAP e, soprattutto, perché tutte queste informazioni sono già contenute su AFIS nelle parti riguardanti i dati anagrafici e giuridici di ogni detenuto. Infatti, mi corre l'obbligo di ricordare alle varie Direzioni Generali e Uffici di Staff del DAP interessate all'argomento, che i osiddetti "AS" sono stati divisi in AS1, AS2, AS3 e che i cosiddetti EIV, non esistono più come categoria detentiva già da un po'.

La domanda quindi sorge spontanea: perché allora la periferia deve continuare ad inserire dati in un sistema parallelo ad AFIS invece di utilizzare dati già presenti presso il Dipartimento centrale?

B) La seconda serie di informazioni da inserire giornalmente riguarda le presenze dei detenuti distinti per posizione giuridica e per circuito di appartenenza (quest’ultima classificazione come sopra detto superata dale nuove classificazioni dei circuiti penitenziari). Cosa dire? Anche in questo caso è noto che AFIS già contiene le informazioni richieste da questa maschera!!!

C) Passiamo, poi, alla maschera riguardante l’inserimento giornaliero numerico delle presenze di detenuti ed internati, distinta per appartenenza ad organizzazioni criminali. A cosa serve compilare questo dato se in AFIS è già presente la funzione “Criminalità Organizzata” all’interno della quale si deve specificare dettagliatamente qual'è l’Organizzazione ed il Clan di Appartenenza del detenuto?

D) Vi è inoltre da compilare giornalmente la scheda riguardante la presenza giornaliera di bambini in istituto. In AFIS c’è la funzione “prole al seguito”, con la possibilità di specificare il numero di figli per ogni soggetto detenuto. (Non ci credete eh? ... provare per credere!)

E) L’ultima maschera di cui è richiesta la compilazione giornaliera, è quella relativa alle video multi conferenze. In questa maschera vengono inserite le salette a disposizione, quante quelle utilizzate, quanti collegamenti in udienza sono stati effettuati, quanti detenuti vi hanno partecipato e quanti di questi, invece, hanno rinunciato. 

Diciamo subito che la compilazione del SID (detenuti e internati) ha senso solo per questo ultimo residuale dato o poco altro, dal momento che in AFIS non è previsto l’inserimento di queste informazioni. Ciò non toglie che, invece di creare un sistema di inserimento dati parallelo ad AFIS (con doppia autenticazione, doppio accesso, doppi controlli etc...), sarebbe meglio fare qualche piccola aggiunta all'AFIS per permettere l'inserimento di queste residuali informazioni che mancano alla parte delle videoconferenze ...

 

DATI MENSILI

Per quanto riguarda invece gli inserimenti di informazioni con cadenza mensile gli uffici matricola periferici devono inserire le seguenti informazioni:

F) il numero dei soggetti isolati (con distinzione tra quello di natura sanitaria) per l'esclusione dall’attività in comune e giudiziaria (informazioni già presenti in AFIS).

G) Il numero di colloqui visivi con familiari e corrispondenza telefonica, nonché dei colloqui investigativi distinti per circuiti penitenziari (anche in questo caso ormai superati dalla nuova classificazione). Di certo non devo essere io a ricordare al DAP che in AFIS esiste un’intera procedura per gestire i colloqui, le telefonate ed i familiari autorizzati. La parte relativa ai colloqui è quasi completa, manca solo qualche dettaglio (di fondamentale importanza) che infatti costringe gli Uffici Matricola a tenere comunque un altro registro per proprio conto. Anche in questo caso, sarebbe un bene per tutti che il DAP trovasse tempo e risorse per ascoltare quanto hanno da dire le aricolazioni periferiche, sempre al fine di raggiungere migliori risultati comuni.

H) Il numero di detenuti e internati distinto per circuito di appartenenza che hanno posto in essere ritardi nel rientro in istituto (questa informazione viene segnalata dagli istituti in tempo reale tramite sistema "eventi critici").

I) Il numero di detenuti e internati che hanno ricevuto ricompense, distinto per tipologia e per circuito penitenziario di appartenenza (anche in questo caso tutte informazioni già inserite in AFIS tramite la funzione “Infrazioni e ricompense").

 

DATI TRIMESTRALI

L’inserimento con cadenza trimestrale riguarda:

L) il numero di detenuti e internati che hanno subìto un procedimento disciplinare, con distinzione della sanzione irrogata e del circuito di appartenenza (ebbene si ... anche in questo ultimo caso, il dato è già inserito in AFIS dagli operatori penitenziari degli istituti). Su questo argomento ci ritorneremo nelle puntate seguenti con particolare riferimento al fascicolo personale di ogni singolo detenuto e trasmissioni di competenza ...

 

DATI ANNUALI

M) L’inserimento dei dati con cadenza annuale, si limita ad indicare se l’istituto è sede o meno di video multi conferenze.

 

CONSIDERAZIONI FINALI

Considerando quindi che tutte le mattine, tutti i mesi e tutti i trimestri, gli uffici matricola e più in generale gli operatori di Polizia Penitenziaria degli istituti periferici, devono inserire le stesse voci sia nell'AFIS che ne SID (al netto dei problemi di connessione con la rete INTRANET), non si capisce perché il DAP non predisponga un più efficiente sistema di comunicazione interna tra gli elaboratori del sistema centrale del DAP e la SALA SITUAZIONI attraverso lo sviluppo apposite di procedure di migrazione dei dati o reportistica automatica, sollevando in questo modo tutti gli Istituti penitenziari da questo INUTILE DOPPIO LAVORO!!!

Inoltre, considerato il fatto che sia l'Ufficio per lo sviluppo e la gestione del sistema informativo automatizzato statistica ed automazione di supporto dipartimentale sia la Sala Situazioni (che è incardinata nell'Ufficio per l'attività ispettiva e del controllo, dipendono entrambe dall'Ufficio del Capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, non dovrebbe essere così complicato per qualche persona di buona volontà, riuscire a coordinare le due realtà in modo da sollevare le articolazioni periferiche da questo (lo ripetiamo) INUTILE DOPPIO LAVORO!!!

 

Continua ...

 

Caro CED ti scrivo (parte quarta): Dati ISTAT 

 

Caro CED ti scrivo (capitolo tre): Direzione Generale Detenuti scrive ai PRAP

 

Caro CED ti scrivo (capitolo due)

 

Caro CED ti scrivo (capitolo uno)