www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 28/05/2015  -  stampato il 02/12/2016


Enormi falle nella sicurezza, ma due Poliziotti penitenziari vengono condannati per procurata evasione! Perché? Perché si.

Enormi falle nella sicurezza e non certo imputabili ai Poliziotti Penitenziari, eppure il Tribunale ha condannato due colleghi per procurata evasione a due mesi e un mese e venti giorni di reclusione. A sostenere l’estraneità dei due, con prove alla mano, non è stata la difesa, ma addirittura la pubblica accusa! Eppure …

Eppure sono stati condannati dal tribunale di Lecco con una sentenza a firma del giudice Salvatore Catalano.

Poliziotti Penitenziari condannati per evasione: ignorata anche la requisitoria dell’accusa che parlava di enormi falle nella sicurezza

La mattina del 18 luglio 2010 due detenuti si resero protagonisti di una rocambolesca evasione dal carcere di Lecco Pescarenico, ma a nulla sono valse le deposizioni dei testimoni e la requisitoria dell’accusa che nell’udienza del 30 marzo scorso aveva concluso ricordando: “le falle della struttura penitenziaria non possono essere imputate agli agenti e non ci fu neppure negligenza perché i due dovevano vigilare su cinquanta-sessanta detenuti”.

Nel carcere di Lecco quella mattina mancava la sentinella nella garitta, le telecamere di sorveglianza erano spente ed era del tutto assente invece il sistema anti-intrusione e anti-scavalcamento. Eppure ...

Condannati.

Fatta sempre salva la piena autonomia della Magistratura e pur sempre nel rispetto delle sentenze di cui ancora (di questa) non si conoscono le motivazioni, come Poliziotto penitenziario “in miniera” mi aspetto che ora si scateni un putiferio di accertamenti da parte del Ministero della Giustizia per capire come sia possibile che due servitori dello Stato possano essere lasciati in prima linea allo sbaraglio e siano costretti pure a pagare se (inevitabilmente) prima o poi succede qualcosa di spiacevole.

E spero con la stessa solerzia con la quale si intervenne nella “famosa” vicenda dei Like su Facebook: Commenti facebook: se anche il Ministro si schiera contro di noi … 

Do per scontato che ora TUTTI i sindacati di Polizia Penitenziaria facciano scudo ai due a prescindere da qualsiasi cavillo legale che li abbia fatti ritenere colpevoli al Giudice. Non è possibile che a pagare sia sempre l’ultimo anello della catena, anche quando ci si trova, come oggi, in un sistema di “vigilanza dinamica” (sinonimo per definire la mancanza di qualsiasi tipo di controllo nelle sezioni detenitve).