www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 29/05/2015  -  stampato il 09/12/2016


Banca dati DNA, l'assurdo ritardo, ma Orlando promette che sarÓ attiva entro il 2015

Evidentemente è proprio nel Dna della giustizia italiana che si annida la sua particolarissima tendenza alla lungaggine.

Nel giugno 2009 il Parlamento italiano varò la legge per la creazione di una Banca dati nazionale del Dna, per l'esattezza la legge n° 85 del 2009, ma in questi ultimi sei anni non sono stati mai approvati tutti i decreti attuativi per farla partire davvero. Così la Banca dati non è mai partita.

Nel febbraio 2013, in uno degli ultimi "affioramenti" mediatici della vicenda, risultava che la Banca dati fosse stata piazzata in un vecchio capannone all’interno del polo carcerario di Rebibbia (una struttura precedentemente utilizzata per il lavoro dei detenuti) e che fosse già costata oltre 16 milioni di euro solo per le attrezzature.

Si parlava allora di una strumentazione all’avanguardia, di armadietti elettronici che si aprono solo con determinati badge, di microscopi, frigoriferi, materiali reagenti, 120 mila kit per analisi, oltre ai computer e al materiale informatico.

Si diceva due anni fa che la Banca dati non fosse mai partita perché mancava il personale: tre diversi ministri della Giustizia, fino a quel momento, non avevano emesso il bando necessario per trovare 37 tecnici.

La legge di sei anni fa ratificava l'adesione italiana al trattato internazionale di Prüm del 27 maggio 2005 (concluso tra Belgio, Germania, Spagna, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Austria). La norma prevede all'art. 1 che, "al fine di facilitare l’identificazione degli autori dei delitti, presso il ministero dell’Interno, Dipartimento della pubblica sicurezza, è istituita la Banca dati nazionale del Dna. Mentre presso il ministero della Giustizia, Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, è istituito il laboratorio centrale per la banca dati nazionale del Dna".

La legge stabilisce la possibilità di raccogliere "i profili genetici" delle persone fermate o arrestate, e anche "che possano essere raccolti profili del Dna relativi a reperti biologici acquisiti nel corso delle indagini per poi effettuare comparazioni". È evidente che lo strumento è fondamentale per le indagini e per la prevenzione in molti delicati settori del contrasto alla criminalità.

Lo scorso febbraio il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha rassicurato sul via libera a breve: "Il secondo semestre del 2015" ha detto il ministro "potrà vedere l'avvio concreto di operatività di Banca dati e laboratorio, dotando così la polizia giudiziaria e la magistratura di un nuovo, efficace mezzo di conduzione delle indagini".

Speriamo sia la volta buona...

di Maurizio Tortorella - panorama.it

 

La vergogna del laboratorio del DNA: il DAP lo consegna a Carabinieri e Polizia di Stato

 

Banca Dati del DNA: laboratori nei penitenziari per prelievo obbligatorio a tutti gli schedati?

 

Banca dati DNA: chi tratterà i dati, la Polizia Penitenziaria o il comparto ministeri?

 

Banca Dati DNA: aspettando le 13 risposte di Tamburino, qualche considerazione sulle responsabilità interne al Corpo

 

LABORATORIO DNA: 13 DOMANDE A TAMBURINO

 

Banca dati DNA: buttati 16 milioni di euro dall'Amministrazione penitenziaria (DAP)