www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 25/06/2015  -  stampato il 09/12/2016


Stati generali delle carceri, Rita Bernardini, già parlamentare: ma perché Orlando dice una mezza verità?

Se uno non ha nulla da nascondere, che bisogno c’è di dire una mezza verità, che grattando grattando, non è nemmeno mezza e forse nemmeno un quarto?

E’ stato diramato il Decreto del Ministro della Giustizia con il quale vengono nominati i coordinatori dei tavoli tecnici nell’ambito degli stati generali della esecuzione penale.

Il decreto elenca tutti i tavoli e per ogni tavolo indica nome, cognome e una sorta di qualifica del coordinatore nominato.

A coordinare il tavolo tecnico “Mondo degli affetti e territorialità della pena” è stata nominata la Signora Rita Bernardini qualificata come “già parlamentare”.

Io da una indicazione del genere, se fossi la Bernardini, mi sentirei anche offeso.

Ma che titolo è “già parlamentare”?!?

Che fine hanno fatto tutte le battaglie portate avanti dalla Bernardini proprio sul tema delle carceri spesso anche con profondo senso critico contro la mala-gestione dell’esecuzione penale in Italia?

Per quale motivo il Ministro Orlando ha voluto utilizzare una indicazione che non non ha nulla a che fare con l’attuale incarico ricoperto dalla Signora Rita Bernardini che è quello (c’è bisogno di ricordarlo?) di Segretaria dei Radicali Italiani?

Può darsi che agli occhi del Ministro del PD Andrea Orlando (che di professione fa il “dirigente di partito” -  fonte camera.it), per la Signora Rita Bernardini, siccome in Parlamento è entrata con i voti del PD e non con quelli dei Radicali, sia più significativo rimarcare la vicinanza e la riconoscenza politica.

I Radicali Italiani, infatti,  solo con le proprie forze difficilmente avrebbero ottenuto deputati e senatori.

Nelle elezioni politiche del 2006 avevano raccolto i consensi del 2.5% dell’elettorato italiano, in quelle del 2008 erano accorpati con il PD (legislatura a cui si riferisce la carriera parlamentare della Bernardini) e nelle elezioni politiche del 2013 sono stati votati dallo 0,2% (ZERO VIRGOLA DUE PER CENTO) degli italiani.

Insomma, che bisogno c’era di “mascherare” l’attuale e più significativo incarico di Segretario dei Radicali Italiani della Signora Rita Bernardini, con quello di “già parlamentare”?

 

DECRETO DI NOMINA DEI COORDINATORI TAVOLI TECNICI DEGLI STATI GENERALI DELLA ESECUZIONE PENALE