www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 20/07/2015  -  stampato il 06/12/2016


Bambino di sei anni detenuto a Firenze dalla nascita: interrogazione parlamentare


Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-09908
presentato da
NICCHI Marisa
testo di
Lunedì 20 luglio 2015, seduta n. 465

NICCHI e GELLI. — Al Ministro della giustizia . — Per sapere – premesso che: 
il piccolo Giacomo di poco più di sei anni ha trascorso quasi tutta la sua vita nel carcere di Sollicciano a Firenze; 
Giacomo è arrivato nella sezione femminile di Sollicciano come «ospite» insieme alla mamma nel 2010, all'età di un anno; 
la madre era stata arrestata a Bari nel 2009 per reati legati allo sfruttamento della prostituzione e deve scontare la pena fino al 2019; 
nel caso della madre di Giacomo qualsiasi percorso alternativo è stato finora impossibile perché è troppo alta la pena da scontare per reati gravi; 
la legge prevede che i bambini non vengano separati dalle madri detenute fino a tre anni, ma nel 2011 ne è stata aumentata l'età fino a sei anni, a patto però che siano in un icam, un istituto a custodia attenuata per le detenute madri; 
a Firenze, ma in generale in Toscana, non sono presenti icam. Sono anni che si sta attendendo l'apertura della casa delle detenuti madri a Firenze, ed è stata anche individuata una struttura ad hoc di proprietà della Madonnina del grappa, c’è stato l'appalto, ma i lavori non sono ancora partiti, e la struttura che lo avrebbe potuto ospitare si sta deteriorando giorno dopo giorno; 
il piccolo Giacomo non è un caso eccezionale, visto che in Italia ci sono decine di casi di bambini detenuti sotto i tre anni –: 
quali iniziative intenda intraprendere il Governo per risolvere il caso del bambino recluso nel carcere fiorentino di Sollicciano in modo da consentire al piccolo Giacomo di sei anni di trascorrere una vita normale lontano dalla prigione senza recidere la relazione con la madre; 
quali iniziative di competenza il Ministro intenda mettere in atto, affinché i finanziamenti già predisposti per la realizzazione di un icam a Firenze siano utilizzati per accelerarne l'apertura.