www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 20/10/2015  -  stampato il 03/12/2016


Riordino delle carriere: il punto della situazione. Aggiornamento

Continuano a trapelare indiscrezioni sul riordino delle carriere delle forze di polizia che sta prendendo forma al Ministero dell’Interno.

In particolare, stanno filtrando notizie circa le modalità di progressione in carriera con il nuovo ordinamento.

Secondo queste fonti le nuove carriere dovrebbero essere così ordinate.

 

Agenti Assistenti

Il ruolo degli agenti ed assistenti dovrebbe rimanere, anche se unificato con quello dei sovrintendenti, con le stesse quattro qualifiche e con la permanenza di cinque anni in ognuna;

Gli Assistenti Capo potranno accedere al ruolo dei Sovrintendenti mediante selezione per titoli e successiva frequenza di un corso della presumibile durata di tre mesi;

Tutti gli agenti con almeno quattro anni di servizio potranno accedere al ruolo dei Sovrintendenti mediante concorso e successiva frequenza di un corso della presumibile durata di sei mesi/un anno;

Dovrebbe anche essere prevista una riserva di posti per tutti i poliziotti penitenziari con almeno cinque anni di servizio nel concorso pubblico per l'accesso al ruolo degli Ispettori.

 

Sovrintendenti

Il ruolo dei sovrintendenti rimarrà, anche se unificato con quello degli agenti/assistenti, con le stesse tre qualifiche ma con la permanenza in ciascuna di esse ridotta a cinque anni, anziché i sette attuali;

Sovrintendenti e Sovrintendenti Capo potranno accedere al ruolo degli Ispettori mediante concorso interno e successiva frequenza di un corso della presumibile durata di sei mesi;

 

Ispettori

Il ruolo degli Ispettori dovrebbe essere alimentato mediante un concorso interno riservato ai Sovrintendenti e ai Sovrintendenti Capo  e un concorso pubblico, che avrà una riserva di posti per tutti i poliziotti penitenziari con almeno cinque  anni di servizio in possesso del prescritto titolo di studio;

Dovrebbe essere soppresso il concorso interno per Ispettore Superiore e la promozione a questa qualifica conseguita  dagli Ispettori Capo per merito comparativo;

Dovrebbe essere prevista l’istituzione di un nuovo ruolo direttivo dei Commissari,  articolato su tre qualifiche, che sarà alimentato dagli Ispettori Superiori, in possesso del titolo di studio previsto, mediante concorso per titoli;

 

Commissari

Saranno unificati i ruoli ordinario e speciale dei Commissari;

Il nuovo ruolo unificato dovrebbe essere alimentato in parte con concorso pubblico ed in parte con concorso interno riservato agli Ispettori in possesso del titolo di studio previsto;

L'attuale ruolo speciale potrebbe diventare  “ad esaurimento”, con rimodulazione delle permanenze nelle qualifiche in riallineamento con il nuovo ruolo unificato;

Dovrebbe essere prevista la possibilità per i funzionari del ruolo speciale in possesso di laurea magistrale/specialistica di transitare nel ruolo unificato;

Il nuovo ruolo unificato dovrebbe prevedere la dirigenza a partire dalla qualifica di Commissario Capo.