www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 04/11/2015  -  stampato il 09/12/2016


Sovraffollamento e carenza di organico carceri liguri: interrogazione parlamentare

Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-04795
presentata da
DONATELLA ALBANO 
mercoledì 4 novembre 2015, seduta n.535

ALBANO - Al Ministro della giustizia - Premesso che:

la dignità delle persone, ancorché inserite in strutture penitenziarie, come tali contrassegnate dal massimo grado di restrizione della libertà, è inviolabile, secondo quanto si desume dagli articoli 2, 3, 13, 27, terzo comma, e 52, terzo comma, della Costituzione;

la Corte costituzionale, a partire dalla sentenza n. 12 del 1966, ha sottolineato che lo stato di prostrazione determinato da condizioni carcerarie inumane costituisce un ostacolo al processo di riorientamento del detenuto;

le condizioni di sovraffollamento carcerario rilevate negli istituiti di pena italiani, secondo quanto osservato dalla Corte europea dei diritti dell'uomo, nella nota sentenza Torreggiani dell'8 gennaio 2013, provocano un'inaccettabile sofferenza ai detenuti;

l'articolo 1 della legge 26 luglio 1975, n. 354, recante "Norme sull'ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà", e successive modificazioni ed integrazioni, dispone che "il trattamento penitenziario deve essere conforme ad umanità e deve assicurare il rispetto della dignità della persona";

l'articolo 1, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 2000, n. 230, recante "Regolamento recante norme sull'ordinamento penitenziario e sulle misure privative e limitative della libertà", stabilisce che "il trattamento degli imputati sottoposti a misure privative della libertà consiste nell'offerta di interventi diretti a sostenere i loro interessi umani, culturali e professionali"; inoltre l'articolo 6, comma 1, prevede che "i locali in cui si svolge la vita dei detenuti e internati devono essere igienicamente adeguati";

considerato che, a quanto risulta all'interrogante:

negli istituti penitenziari della Liguria, in assoluta controtendenza rispetto alla media nazionale, la popolazione carceraria è attualmente in aumento e ha superato la capienza limite prevista di 1.172 detenuti: infatti, secondo i dati ufficiali forniti dal Ministero della giustizia, aggiornati al 31 ottobre 2015, le citate strutture nel 2014 ospitavano 1.367 detenuti, nel corso del 2015 ne ospitano 1.451;

in particolare, nel carcere di Marassi (Genova) persistono, ed anzi si aggravano, i problemi legati al sovraffollamento: dai 663 detenuti del 2014 si è passati ai 709 del 2015;

all'interno dei penitenziari liguri, si riscontra un significativo aumento degli atti di autolesionismo (nell'intero anno 2014 se ne erano registrati 300, a fronte dei 280 registrati nei primi 8 mesi del 2015) nonché dei tentativi di suicidio (32 nell'intero 2014, già 28 nel luglio 2015); nel complesso, gli episodi critici sono in netta crescita (in tutto il 2014 se ne sono verificati 745, a fronte dei 700 registrati nei primi 8 mesi del 2015);

si aggiunga che l'istituto di Sanremo (Imperia) ha il triste primato in Liguria degli atti di autolesionismo, con 83 casi sui 280 regionali, e di danneggiamento delle celle, con 17 casi su 30 (mentre nell'intero arco del 2014 si verificarono 10 casi); gli istituti di Savona e Imperia hanno spazi insufficienti, vetusti e poco decorosi;

l'organico assegnato agli istituti penitenziari liguri, che si assesta sulle 232 unità, è carente; tale carenza d'organico, stimata intorno al 29 per cento del fabbisogno, è la più alta in Italia e pone in seria difficoltà il personale, che si trova a dover fronteggiare l'incremento del carico di lavoro, nonché l'incremento delle situazioni critiche registrate nel 2015,

si chiede di sapere:

quali provvedimenti il Ministro in indirizzo intenda adottare per ovviare alla carenza d'organico degli istituti penitenziari liguri;

quali iniziative inoltre intenda intraprendere al fine di affrontare il problema del sovraffollamento degli istituti di pena in Liguria.

(4-04795)