www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 09/12/2015  -  stampato il 10/12/2016


Riordino delle carriere: marcia indietro sulla unificazione dei ruoli agenti–sovrintendenti. E il MEF contesta al DAP di non aver bandito i concorsi

Clamorosa svolta al tavolo tecnico presso il Ministero degli Interni per la elaborazione del riordino delle carriere.

Su pressione del Comando Generale dei Carabinieri, sembra si stia facendo marcia indietro sulla paventata unificazione dei ruoli agenti/assistenti e sovrintendenti.

In realtà, anche in questo caso, di fatto, cambierebbe poco nell’ordinamento delle nuove progressioni in carriera perché resta comunque nel progetto di riordino la soppressione del concorso per l’avanzamento alla qualifica di vice sovrintendente.

Il concorso dovrebbe essere sostituito da uno scrutinio per anzianità e merito  per l’avanzamento degli assistenti capo.

Ciò starebbe a significare che ogni anno, secondo il ruolo di anzianità, un numero di assistenti capo determinato dalle vacanze organiche al 31 dicembre avanzerebbe alla qualifica di vice sovrintendente.

Purtroppo, nel nostro caso, si è venuta a creare una situazione paradossale: ci è stato contestato da parte del Ministero dell’Economia che, non avendo più fatto concorsi dal 2008, non avremmo bisogno di sovrintendenti.

Allo stesso tempo il MEF avrebbe anche chiesto alla nostra amministrazione dove sono finiti i fondi stanziati ogni anno per questi concorsi.

Il fatto è di per se stesso gravissimo perché, oltre al danno per agenti e assistenti di non aver avuto la possibilità di avanzamento in carriera negli ultimi sette anni, si rischia una riduzione dell’organico dei sovrintendenti in controtendenza con gli altri Corpi di Polizia.

Ecco perchè sarebbe, non solo opportuno, ma indispensabile bandire immediatamente un mega-concorso per vice sovrintendenti mettendo a disposizione tutti i posti vacanti (circa 2500) anche in relazione alla fase transitoria in prima applicazione del prossimo riordino delle carriere.

In buona sostanza, la situazione attuale sarebbe la seguente:

Sovrintendenti in servizio alla data odierna circa 1900

Organico attualmente previsto per i Sovrintendenti 4500

Organico richiesto dalla nostra amministrazione con il nuovo ordinamento 5350

Nonostante ciò, proprio a causa del fatto che il Dap non ha più bandito concorsi negli ultimi sette anni, rischiamo che il MEF proponga una riduzione del numero dei Sovrintendenti  (si parla addirittura a circa 3000!).

Semmai si dovesse verificare una cosa del genere sarebbe più che legittima una class-action dell’intera categoria agenti-assistenti per il risarcimento dei danni subiti a causa delle decisioni assunte dalla dirigenza del Dap in questi ultimi anni!

Staremo a vedere …

 

P.S.

A puro titolo informativo, la delegazione che sta partecipando ai lavori del tavolo tecnico presso il Ministero dell’Interno, per il Corpo di Polizia Penitenziaria, è così composta:

Dott. Silvio Di Gregorio – Direttore

Dott.ssa Piera Conte – Direttore

Dott.ssa Enrica De Luca – Direttore