www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 03/02/2016  -  stampato il 11/12/2016


Intervista di "Storie maledette" in carcere: interrogazione parlamentare su valutazioni DAP al rilascio autorizzazione riprese

Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-07625
presentato da
RICCIATTI Lara
testo di
Mercoledì 3 febbraio 2016, seduta n. 561

RICCIATTI, COSTANTINO, NICCHI, PANNARALE, DURANTI, PELLEGRINO, GREGORI, FRATOIANNI, PIRAS, MELILLA e QUARANTA. — Al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che: 
il 4 febbraio 2016 andrà in onda, nella trasmissione «Storie maledette» su Rai 3, una intervista esclusiva a Luca Varani, attualmente detenuto presso il carcere di Teramo, imputato condannato in appello a 20 anni di reclusione, con l'accusa di essere il mandante dell'aggressione con l'acido della giovane avvocatessa Lucia Annibali (www.storiemaledette.rai.it); 
la vicenda, oggetto dell'intervista, ha avuto una ampia eco mediatica; 
l'intervista, secondo quanto riportato dagli organi di stampa, è stata autorizzata dal dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap); 
sulla vicenda intervenuto pubblicamente il procuratore della Repubblica presso il tribunale di Pesaro dottor Manfredi Palumbo, che ha sostenuto l'accusa nel primo grado di giudizio, manifestando sconcerto per l'annunciata intervista e denunciando come ciò avvenga in pendenza di giudizio innanzi alla Corte di Cassazione e nei confronti di un imputato che si è sempre rifiutato — durante i due gradi di giudizio conclusi — di rispondere alle domande della pubblica accusa, cercando inoltre «di distruggere o inquinare il materiale probatorio che era stato raccolto nei suoi confronti» (Il Resto del Carlino, 2 febbraio 2016); 
a opinione dell'interrogante la messa in onda dell'intervista citata, rappresenterebbe un fatto quantomeno inopportuno, perché consentirebbe a un imputato, in attesa del terzo grado di giudizio, in un processo particolarmente delicato di fornire alla pubblica opinione una ricostruzione dei fatti parziale, al di fuori delle deputate sedi giudiziarie e del necessario contraddittorio, basato su elementi probatori acquisiti nel corso del procedimento con le dovute garanzie processuali anche a tutela dell'imputato stesso –: 
se al Ministro interrogato risulti il fatto riportato in premessa e se ritenga opportuno, stante la discrezionalità del provvedimento, che il dipartimento dell'amministrazione penitenziaria conceda autorizzazioni a intervistare un imputato, attualmente in pendenza di giudizio innanzi alla Corte di Cassazione, che non abbia peraltro mai risposto nelle sedi giudiziarie opportune alle domande della pubblica accusa; 
se risulti al Ministro interrogato che ai fini della concessione dell'autorizzazione all'intervista sia stato richiesto da parte del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria un parere all'autorità giudiziaria competente per il giudizio; 
se il Ministro non intenda fornire chiarimenti sulla vicenda riportata in premessa e sui criteri adottati dal dipartimento per l'amministrazione giudiziaria per il rilascio dell'autorizzazione all'intervista; 
se non ritenga opportuno revocare l'autorizzazione rilasciata, assumendo ogni iniziativa di competenza affinché non vada in onda l'intervista a Luca Varani, in attesa degli opportuni chiarimenti sulla vicenda. (5-07625)

 

DAP autorizza "Storie maledette" ad intervistare imputato che sfigurò Lucia Annibali: scoppia la polemica e interviene il Parlamento