www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 09/02/2016  -  stampato il 07/12/2016


Corsi di formazione e aggiornamento: l’importanza di far partecipare il maggior numero di Poliziotti penitenziari

Nella realtà penitenziaria, spesso si sente parlare di corsi di formazione/aggiornamento rivolti al personale del Corpo di Polizia Penitenziaria.

Spesso i corsi di formazione/aggiornamento si rilevavano delle vere e proprie giornate diverse dalla routine di tutti i giorni. Si riesce, non solo ad apprendere, bensì anche ad approfondire alcune tematiche che magari, talvolta, proprio perché presi dalla frenesia del difficile lavoro di tutti i giorni, rischiano invece di passare in secondo piano.

Un corso sarà quanto più utile nel momento in cui tocca con mano il lavoro di chi si trova all’interno di una sezione detentiva, ovvero al di fuori durante un piantonamento ospedaliero, un'udienza di convalida, ovvero ancor di più una traduzione da istituto ad un altro.

Indossare una divisa ti insegna ogni giorno qualcosa, proprio quando ti trovi sul campo quando poi ad un tratto, a volte, sembra che la “vecchia dritta” dell’Assistente Capo con anni alle spalle, risulta sempre quel qualcosa in più. E partecipare ad un corso di formazione/aggiornamento rappresenta poi davvero, ancor di più, quel passo in avanti, soprattutto quando il corso frequentato centra in pieno ciò che effettivamente serve ad un Poliziotto penitenziario durante il proprio servizio.

Insegna, inevitabilmente, ad accrescere il proprio bagaglio di esperienze, che servono sempre. Infatti, i corsi che coinvolgono colleghi di più realtà penitenziarie diventano una grande occasione per potersi confrontare. Perché, inutile a dirsi, la maggior parte delle volte ogni istituto penitenziario diventa una realtà diversa dall’altra, e confrontarsi aiuta a conoscere peculiarità proprie del luogo.

Talvolta, diventa però difficile poter far partecipare quanto più personale del Corpo possibile, sia per la carenza di personale, sia per le edizioni ridotte, sia per le più svariate motivazioni.

Eppure, questo dovrebbe diventare un obiettivo di ciascuna realtà penitenziaria, perché un maggior coinvolgimento di tutto il personale, indistintamente dal ruolo e dalla qualifica, altro non è che un vero e proprio arricchimento di tutti gli appartenenti.

Da sempre, sono convinta che il Corpo della Polizia Penitenziaria merita la massima attenzione. Una divisa non la si impara a portare soltanto come “veste di stoffa”, una divisa la senti sempre anche quando si finisce il proprio turno di lavoro, ecco perché ogni giorno vorresti il meglio! Impari pian piano, dagli insegnamenti di chi ha più anni di servizio, da chi ha ancora, nonostante le difficoltà di tutti i giorni, la passione e soprattutto il senso di appartenenza ad un Corpo di polizia!

Ed anche questo s’impara durante i corsi di formazione/aggiornamento: cercare di migliorarsi sempre.

Gli uomini e le donne della Polizia Penitenziaria, meritano sempre la massima attenzione, sono persone che svolgono il proprio mestiere con la massima professionalità nonostante, il più delle volte, le difficoltà di ogni giorno.