www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 18/02/2016  -  stampato il 10/12/2016


Chiusura carcere di Sala Consilina: interrogazione parlamentare su impiego personale di Polizia Penitenziaria

Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-07836
presentato da
BUSINAROLO Francesca
testo di
Giovedì 18 febbraio 2016, seduta n. 572

BUSINAROLO, AGOSTINELLI, BONAFEDE, COLLETTI, FERRARESI e SARTI. — Al Ministro della giustizia . — Per sapere – premesso che: 
il 27 ottobre 2015, con decreto del Ministro della giustizia, è stata disposta la soppressione della casa circondariale di Sala Consilina (Sa), a cui è seguito il trasferimento dei circa venti detenuti ospitati nella struttura presso altri istituti penitenziari; 
risulta all'interrogante che, ad oggi, nella struttura carceraria siano ancora operativi circa quaranta agenti di polizia penitenziaria, che svolgono regolarmente le loro mansioni, con turni di sorveglianza di 24 ore, otto ore e due agenti per ogni turno e che percepiscono regolarmente gli stipendi, oltre agli straordinari ed alle festività; 
il sindaco di Sala Consilina, Francesco Cavallone, aveva presentato ricorso al TAR della Campania contro la chiusura della casa circondariale, che è stato però rigettato in nome della cosiddetta «razionalizzazione amministrativa»; 
la presenza degli agenti nell'ambito della struttura ormai chiusa, giustificata dalla necessità di una sorveglianza contro i furti e gli atti di vandalismo, stride fortemente con le esigenze reali e urgenti del sistema carcerario italiano, attraversato da una cronica carenza di risorse e di personale; 
analoga situazione a quella verificatasi a Sala Consilina si è registrata anche a Savona dove, dopo la chiusura del carcere di «S. Agostino» ed il successivo trasferimento dei quarantotto detenuti in altre strutture, il personale composto da sessanta agenti e due commissari, continua a svolgere regolarmente le proprie mansioni presso l'istituto stesso; 
i casi su esposti evidenziano gravi incongruenze e mettono in evidenza l'enorme spreco di risorse, sia a livello economico che a livello di personale, che invece potrebbero essere impiegate in maniera più consona –: 
se il Ministro interrogato sia a conoscenza dei fatti descritti in premessa e quali iniziative, per quanto di competenza, intenda adottare al fine di far chiarezza sulla situazione del carcere di Sala Consilina (Sa) e di quello di Savona, anche attraverso un confronto con i rappresentanti sindacali, al fine di prevedere un impiego più equo delle risorse economiche e di quelle umane operanti nell'ambito del settore carcerario italiano. (5-07836)