www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 11/02/2016  -  stampato il 08/12/2016


Sanzione disciplinare per non essersi recato in servizio fuori sede: Poliziotto penitenziario perde ricorso al Tar di Napoli

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna

(Sezione Prima)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 977 del 2015, proposto da:

S.E. S.r.l., rappresentata e difesa dagli avv. Luisa Giua Marassi, Antonello Rossi, con domicilio eletto presso Antonello Rossi in Cagliari, Via Ada Negri, n. 32;

contro

Ministero della Giustizia Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale Casa Reclusione Mamone, Ministero della Giustizia, rappresentati e difesi per legge dall'Avvocatura Distrettuale Cagliari, domiciliati in Cagliari, Via Dante n. 23;

per l'esecuzione

della sentenza T.a.r. Sardegna Sez. I^ n. 721/2014

Visti il ricorso e i relativi allegati;

visti gli atti di costituzione in giudizio del Ministero della Giustizia Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale Casa Reclusione Mamone e del Ministero della Giustizia;

viste le memorie difensive;

visti tutti gli atti della causa;

relatore nella camera di consiglio del giorno 10 febbraio 2016 il dott. Gianluca Rovelli e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

Con atto notificato il 2 dicembre 2015 e depositato il 15 dicembre la ricorrente ha chiesto l'esecuzione della sentenza n. 721/2014 di questo T.a.r. .

Si è costituita l'Amministrazione intimata chiedendo il rigetto del ricorso.

In data 3 febbraio 2016 la ricorrente ha depositato istanza per la cessazione della materia del contendere posto che l'Amministrazione ha provveduto al rimborso delle spese processuali di cui alla citata sentenza.

Ciò stante non resta al Collegio che prenderne atto e adottare la pronuncia conseguente.

Quanto alle spese, vista la fondatezza della pretesa della ricorrente, va seguita la regola della soccombenza.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, dichiara la cessazione della materia del contendere.

Condanna l'Amministrazione alle spese del presente giudizio che liquida in Euro 1.500/00 (millecinquecento/00) oltre accessori di legge.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Cagliari nella camera di consiglio del giorno 10 febbraio 2016 con l'intervento dei magistrati:

Caro Lucrezio Monticelli, Presidente

Marco Lensi, Consigliere

Gianluca Rovelli, Consigliere, Estensore