www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 12/05/2016  -  stampato il 03/12/2016


Le Fiamme Azzurre acquistano una stella: Giusy Versace

Giusy Versace è diventata un'atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre. La bravura e la forza della talentuosa stella del sud, atleta, conduttrice televisiva ed esperta di moda, è ora patrimonio del settore Paralimpico della Polizia Penitenziaria (prima tra tutte le forze armate e di polizia ad aprirlo a seguito del protocollo d'intesa con il Cip del 2007). «Sono davvero felice di avere l’opportunità di correre con un club così prestigioso, sono rimasta colpita dall’organizzazione tecnica della squadra, e soprattutto dalla loro professionalità. Sicuramente sarà per me di grande stimolo, oltre che di aiuto pratico, in una stagione che si preannuncia intensa e molto eccitante».

Queste le parole della reggina e solare neo tesserata delle Fiamme Azzurre. Il suo esordio con i colori della Polizia Penitenziaria è avvenuto a Grosseto, al Grand Prix Paralimpico dell’8-10 aprile, ed è stato un esordio di livello mondiale.

Alla prima esperienza sui 400m, ha stabilito il record italiano della distanza e ha contribuito al primato mondiale della staffetta 4x100m con il quartetto della nazionale: sul giro di pista, con il tempo di 1’04”21, ha fatto oltre tre secondi meglio del precedente per la categoria T43, che era valso un quarto posto agli ultimi Mondiali di Doha.

Grazie a questo risultato Giusy è sempre più lanciata verso i prossimi Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro (7/19 settembre). Nella staffetta 4x100 metri invece ha contribuito a stabilire il primato mondiale per quartetti delle categorie da T42 a T47. Con 1’02”29, ha potuto festeggiare l’im presa con le compagne di squadra Monica Contrafatto, Federica Maspero e Alessia Donizetti.

Giusy dalle tante vite e dalle mille virtù, si potrebbe intitolare così la biografia sua vita se non fosse che lei la sua biografia l'ha scritta già :«Con la testa e con il cuore si va ovunque», in cui ripercorre tutta la sua storia personale, il prima ed il dopo l'incidente sulla Salerno-Reggio Calabria che le costò entrambi le gambe, la rinascita, la fede e la caparbietà nel raggiungere tanti obiettivi prestigiosi e tanti traguardi nei più disparati settori della vita: nella moda, nello sport ed in TV come conduttrice e vincitrice di talent di successo.

Giusy è una bellezza mediterranea vera, capelli d'ebano e pelle olivastra, ma quel che più colpisce di lei sono la dolcezza ed il sorriso. Due doni che troppo spesso si perdono per cose prive di effettivo spessore e che lei ha invece saputo conservare sempre e comunque, guardando avanti, con la testa ed il cuore certamente, ma accompagnate anche da tanta umiltà e semplicità.

Dopo il suo esordio con i colori della Polizia Penitenziaria non ha perso l'occasione di raccontare alla Domenica Sportiva, di cui è una delle conduttrici, del nuovo tesseramento con i colori delle Fiamme Azzurre e della gioia di essere diventata una portacolori d'eccezione.

Mai parole più sentite e spontanee come quelle che ha usato durante la trasmissione sono state il biglietto da visita migliore per quello che il gruppo sportivo vorrebbe essere, oltre che per i suoi risultati sportivi, in relazione alle qualità umane dei suoi interpreti migliori.