www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 18/05/2016  -  stampato il 08/12/2016


Interrogazione su Casa di reclusione di Fossano

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-13230
presentato da
DADONE Fabiana
testo di
Mercoledì 18 maggio 2016, seduta n. 627

   DADONE. — Al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che:
   in data 5 maggio 2016 l'interrogante, ai sensi dell'articolo 67 dell'ordinamento penitenziario (legge 26 luglio 1975, n. 354) si è recata in visita alla Casa di reclusione di Fossano;
   dall'incontro con il direttore – dottoressa Piscioneri Giuseppina – sono emerse diverse problematiche che riguardano l'istituto penitenziario in questione;
   in primo luogo si sottolinea come vi sia una grave carenza di personale dato che la pianta organica prevede 82 unità mentre attualmente ne sono impiegate all'incirca 60. Questa situazione comporta che gli agenti e gli ufficiali debbano fare molte ore di straordinario e che i turni di lavoro siano più ravvicinati;
   all'interno dell'istituto, inoltre, non è presente un sistema di videosorveglianza dinamico che consentirebbe un minor utilizzo di personale ed una maggiore efficacia dei controlli. Si osserva, comunque, che la direzione della casa circondariale, due settimana fa, ha provveduto ad inoltrare richiesta di installazione di tale sistema agli organi competenti;
   all'interno della Casa di reclusione si svolgono alcune attività perfettamente compatibili con il principio della funzione rieducativa della pena (articolo 27 della Costituzione). Tali attività, a causa degli scarsi fondi pubblici messi a disposizione e degli elevati costi che gli imprenditori privati devono sostenere, occupano solamente 23 detenuti, mentre 15 sono ammessi al lavoro esterno –:
   se il Ministro interrogato sia a conoscenza della grave carenza di organico della Casa di reclusione di Fossano e come intenda sanare detta carenza;
   se non intenda provvedere al dislocamento di agenti, ispettori e sovraintendenti di Polizia Penitenziaria presso lo stesso istituto. (4-13230)