www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 16/06/2016  -  stampato il 10/12/2016


Ruolo tecnico, tavolo tecnico, distacchi tecnici. In questo marasma anche un Direttore Generale rischia di confondersi

Ho letto ieri una bozza di riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria, con la quale l’amministrazione voleva procedere all’incremento di 360 dirigenti e 360 unità ruoli tecnici a fronte di una riduzione di circa 3.500 Agenti/Assistenti rispetto alla forza attualmente in servizio (in servizio, non quella prevista in organico!).

Una follia!

Non ho potuto fare a meno di collegare questa notizia ad altre due, di sicuro meno importanti del riordino, ma certamente significative di come il DAP gestisce il personale e di come sta utilizzando i ruoli tecnici appena entrati in servizio.

Per quanto riguarda il personale tecnico da utilizzare presso il Laboratorio centrale DNA, la cui sede è nel Polo di Rebibbia, per esempio, il DAP ha diffuso una nota “urgentissima” con la quale chiede al personale in servizio al DAP di presentare istanza per 3 posti per la Polizia Penitenziaria e 1 posto per il comparto ministeri - area contabile, da impiegare presso il Polo di Rebibbia.

A che pro? Un nuovo Ufficio?

Ma il personale tecnico di Polizia Penitenziaria è così diverso dal personale di Polizia Penitenziaria “non tecnico” e per questo necessita di un’altra struttura burocratica?

Non sarà che queste nuove unità dei ruoli tecnici abbiano confuso l'essere in pochi con l'essere "speciali"?

Negli stessi giorni, molto di soppiatto, la Direzione Generale Detenuti e Trattamento ha prelevato 5 unità del ruolo tecnico degli informatici della Polizia Penitenziaria per spostarle dal Polo di Rebibbia al DAP. Il motivo di tale spostamento sarebbe quello di  garantire l’help-desk ai matricolisti che da qualche giorno si trovano ad operare con la nuova procedura di inserimento dei profili DNA dei detenuti.

Ma anche in questo caso, qual’è il senso? Presso il Polo di Rebibbia non c’è nemmeno un computer collegato alla rete intranet del DAP per poter svolgere lo stesso lavoro?

Non sarà che con la scusa del distacco temporaneo si sta replicando un’altra puntata della serie “figli e figliastri”?

Se poi si segue un ipotetico “filo invisibile”, si potrebbe anche arrivare all'ipotesi in cui la Direzione del Personale starebbe per approntare un “tavolo tecnico” di mediazione tra la Direzione stessa e la DGSIA.

I motivi per i quali ci sia addirittura bisogno di un “tavolo tecnico” non li conosco. Mi chiedo, però, che ruolo abbia in tutto ciò l'Ufficio sviluppo e gestione sistemi informativi automatizzati e statistica (Ufficio smantellato dal recente Decreto di riordino del Ministero della Giustizia, ma ancora operante presso il DAP) e qual’è il senso dello spostamento di personale da detto Ufficio alla Direzione del Personale, se poi la stessa Direzione avverte la necessità di crearsi al suo interno un “tavolo tecnico” con lo stesso personale …

Mah ... per ora possiamo solo rimanere a guardare.

Di certo l’informatica, nel DAP, ha avuto sempre vita difficile e se poi ci si mettono pure i singoli, pur di sentirsi un passetto più avanti degli altri, a tentar di blandire e confondere i Dirigenti Generali (in questo caso il malcapitato Pietro Buffa), allora il Corpo di Polizia Penitenziaria, e l’amministrazione penitenziaria tutta, difficilmente farà qualche passo in avanti, nonostante il neo-assunto personale del ruolo tecnico e i 360 "rinforzi" previsti dalla bozza del DAP.