www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 21/06/2016  -  stampato il 06/12/2016


Le lunghe ombre della Festa del Corpo chi c''entra e chi no

Ancora non sono completamente scomparse le lunghe ombre scure calate sulla pessima figura fatta dal Corpo di Polizia Penitenziaria durante la celebrazione del suo 199° anniversario.

Passata l’onda emotiva della prima ora, oggi a mente fredda e dopo una più attenta analisi dei fatti e dello svolgersi della vicenda, appaiono più chiare negligenze e responsabilità dei singoli.

Innanzitutto, sembrano indiscutibili le responsabilità principali in capo a colui che ha materialmente comandato sia il reparto che ha sfilato il 2 giugno ai Fori Imperiali, sia il reparto inquadrato all’Annuale per rendere gli onori al Capo dello Stato.

Inequivocabili, in questo caso, le disposizioni emanate dal Direttore Generale del Personale:

nota GDAP 0155445 del 6 maggio 2016

“ … si conferisce … al Commissario Capo Giuseppe AGATI … l’incarico di Comandante della Compagnia del Corpo di Polizia Penitenziaria che parteciperà alla parata militare … del LXX Anniversario della Proclamazione della Repubblica … Per quanto sopra … dovrà essere presente presso la Scuola … in data 16 maggio 2016 e fino al termine delle esigenze connesse alla celebrazione … per partecipare a tutte le attività previste”

E quelle emanate dal Vice Capo del Dipartimento Massimo De Pascalis:

ordine di servizio n. 1227 serie generale

“… al Commissario Capo Giuseppe AGATI, in servizio presso l’Ufficio Stampa e Relazioni Esterne, è affidato l’incarico di comandare il Reparto che renderà gli Onori al Presidente della Repubblica in occasione della cerimonia che si terrà nella Scuola G. Falcone … continueranno a curare l’addestramento del Reparto che renderà gli onori al Capo dello Stato nonché del personale che sarà incaricato di svolgere gli ulteriori compiti di rappresentanza richiesti per la giornata del 7 giugno”

Più chiaro di così ….

Non è stato confermato, invece, il coinvolgimento del dott. Silvio Di Gregorio nel coordinamento della Festa del Corpo; anzi, a dire il vero, il dott. Di Gregorio non è stato affatto coinvolto nell’organizzazione e nella gestione dell’Annuale perché, giustappunto, l’organizzazione della cerimonia è stata curata direttamente dal Vice Capo del Dap Massimo De Pascalis.

Lo stesso Silvio Di Gregorio resta comunque responsabile della gestione della parata del 2 giugno e, soprattutto, della scelta del Commissario Capo Giuseppe AGATI come Comandante della Compagnia.

Tuttavia, resta ferma la sua completa estraneità dal disastro dell’Annuale.

Tornando alle responsabilità, quindi, sembra proprio che il Comandante del Reparto che avrebbe dovuto rendere  gli onori al Presidente della Repubblica sia il principale responsabile del grave episodio, con la partecipazione, se non altro per culpa in vigilando, del vice capo del Dap.

Basti pensare, infatti, che il gruppo bandiera del Reparto d’Onore ha provato soltanto una volta ... il giorno prima della cerimonia!

E ora?

In una amministrazione normale …