www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 05/07/2016  -  stampato il 09/12/2016


Violazione dei diritti dei Poliziotti penitenziari della CC Rovigo. Interrogazione alla Camera

Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-09061
presentato da
RIZZETTO Walter
testo di
Martedì 5 luglio 2016, seduta n. 647

   RIZZETTO. — Al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che:
   il 29 febbraio 2016 è stato inaugurato il nuovo complesso penitenziario di Rovigo alla presenza del Ministro delle infrastrutture Graziano Delrio, e del Ministro della giustizia, Andrea Orlando, il quale nell'occasione ha dichiarato «Dobbiamo ancora finire una serie di interventi che consentano l'utilizzo della struttura e, una volta che questi saranno terminati, avremo la possibilità di coprire esigenze di organico per l'effettiva apertura»;
   successivamente, il 22 aprile 2016, si è proceduto al trasferimento di tutti i detenuti, nonché del personale di Polizia Penitenziaria dal vecchio istituto penitenziario al nuovo complesso;
   tuttavia, oltre a una moltitudine di criticità organizzative riscontrate nella nuova struttura penitenziaria, è stata segnalata una grave carenza di organico rispetto alle previsioni, con gli ovvi rischi di sicurezza che ne conseguono e la violazione dei diritti dello stesso personale penitenziario rispetto al godimento di: ferie, permessi, riposi, congedi; al riguardo, si segnala, infatti, che attualmente queste persone svolgono turni di 8 ore anziché 6 ore;
   è necessario assumere urgenti provvedimenti, affinché il nuovo complesso penitenziario, iniziato nell'anno 2007 e costato ben 29 milioni di euro, sia adeguatamente funzionante, provvedendo, in particolare, in relazione alla carenza di organico di Polizia Penitenziaria;
   pertanto, deve essere emanato un interpello straordinario nazionale, affinché si possano ottenere nuove unità di Polizia Penitenziaria per garantire un servizio programmato come per legge e il rispetto dei diritti del personale di Polizia Penitenziaria –:
   quali siano gli orientamenti del Ministro interrogato su quanto esposto in premessa e se e quali iniziative intenda assumere;
   per quali motivi, non sia stato previsto e decretato l'organico della nuova casa circondariale di Rovigo, considerando che è dal mese di ottobre del 2015 che sono state avviate tutte le procedure per il completamento della struttura e l'avvio della stessa;
   per quali motivi, nonostante il continuo aumento della popolazione detenuta, che, date le difficoltà oggettive legate al non completamento definitivo della struttura, doveva essere contenuta in un numero minimo, non si sia provveduto ad incrementare il personale di Polizia Penitenziaria;
   per quali motivi sia stato emanato un solo interpello regionale su base volontaria per 10 unità, al quale hanno aderito solo quattro unità, e non sia stato emanato un interpello nazionale straordinario così come si è proceduto per molti altri istituti penitenziari di nuova apertura. (5-09061)