www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 08/04/2010  -  stampato il 08/12/2016


Troppo grasso per stare in carcere.

 

L’uomo raffigurato nella foto si chiama George Jolicur, di 38 anni,  ed è riuscito ad evitare di finire in carcere per effetto del proprio peso di 273 Kg.
George Jolicur, come è facile immaginare, è amante della buona cucina e per appagare questa sua “passione” ha messo in atto per mesi una truffa ai danni di ignari ristoratori.
La truffa messa in atto dal gigantesco George consisteva nell’ordinare pasti luculliani nei migliori ristoranti della città, mangiarne la maggior parte ed, infine, lamentarsi della qualità del cibo facendo riportare indietro dai camerieri la rimanente quantità, per potersi poi rifiutare, in tal modo, di pagare il conto.
In un frangente, ad esempio, Big George ha ordinato cinque enormi frullati e, dopo averne bevuti due, ha convinto i gestori del locale che il latte era avariato al punto che, gli stessi, hanno rinunciato a farsi pagare quelli consumati.
Dopo tanti imbrogli riusciti, però, è scattato l’arresto dopo che Jolicur aveva consumato l’ennesimo pasto pantagruelico e rimandato indietro le ultime briciole. Il proprietario del locale, purtroppo per lui, non è caduto nel tranello e si è rifiutato di non far pagare il pasto all’uomo ricorrendo alle autorità.
Jolicur, residente a Sandford, in Florida, è riuscito, però, ad evitare il carcere: è troppo grasso e lo Stato della Florida ha deciso che mantenerlo dietro le sbarre costerebbe troppo, anche e soprattutto per le cure mediche di cui necessita.
George non ha potuto nemmeno partecipare al processo che lo ha visto imputato per truffa, perché anche  i costi per portarlo davanti ad un giudice sono stati ritenuti  troppo alti.
Alla fine della vicenda si è giunti ad un accordo che ha  evitato il carcere a Big George in cambio del pagamento di una multa di circa 900 euro.

Cesare Cantelli