www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 10/04/2010  -  stampato il 08/12/2016


Breve storia dell'organico del Corpo di Polizia Penitenziaria cosi' come previsto dalla Legge

di Enzima e Andrea Tosoni*

Prima di fare qualsiasi altra considerazione sull'organico della Polizia Penitenziaria, è utile ricordare nel dettaglio, quello che è stato il percorso legislativo che ha determinato l'attuale (prevista) consistenza numerica del Corpo.

Il Corpo di Polizia Penitenziaria (tutto in maiuscolo anche se la Legge lo prevede diversamente), nasce con la legge n. 395 del 15 dicembre 1990. La Legge 395/90 modifica profondamente l’assetto dell’Amministrazione penitenziaria istituendo anche il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria al posto della Direzione Generale degli Istituti di prevenzione e di pena. Questi profondi cambiamenti (sulla carta) si ripercuotono anche sulle previsioni di organico da impiegare negli anni immediatamente successivi all’entrata in vigore della Legge.

 

Legge 15 dicembre 1990 n. 395

Nella legge 395/90, alla tabella C, prevista dall’art. 4, si può evincere la pianificazione dell’aumento dell’organico della Polizia Penitenziaria, in considerazione anche della presa in carico (allora prevista come imminente) del Servizio Traduzioni e Piantonamenti, fino ad allora affidato ai Carabinieri.

Tabella C

Organico Polizia Penitenziaria

1990

1993

1994

1995

1990/1995

U

D

Organico

Incremento

Organico

Incremento

Organico

Incremento

Organico

Totale Incremento

TOTALE

32.201

3.098

35.299

1.543

36.842

1.620

38.462

1.558

40.020

4.721

Già nel 1990, si prevedeva un incremento dell’organico del Corpo di Polizia Penitenziaria alla luce dei nuovi assetti organizzativi che, nel 1995 si ipotizzava dovesse raggiungere le 40.020 unità con un incremento di 4.721 poliziotti rispetto a quelli previsti nel 1990.

 

Decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443

Appena due anni dopo però, il 30 ottobre del 1992 con il decreto legislativo n. 443, passato alla storia con il nome di “Ordinamento del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria”, in base a quanto previsto dall’art. 1 comma 3, veniva pubblicata un’altra tabella dell’organico previsto, diviso per Ruoli e Qualifiche da cui ne deriva un organico a regime, previsto per il 1995, pari a 42.020 unità di Polizia Penitenziaria, cioè già si prevedeva un icremento di 2000 unità per il 1995 al posto delle 40.020 ipotizzate nel 1990.

Tabella A

Ruolo

Qualifiche

Organico 1991/92

Organico 1993

Organico 1994

Organico 1995

U

D

Tot.

U

D

Tot.

U

D

Tot.

U

D

Tot.

Agenti e Assistenti

 

 

28.665

2.832

31.497

29.825

2.832

32.657

31.443

2.834

34.277

33.001

2.834

35.835

Sovrintendenti

V. Sovr.te

3.924

130

4.054

3.650

200

3.850

3.650

200

3.850

3.650

200

3.850

Sovr.te

 

                     

Sovr.te Capo

504

32

536

775

49

824

775

49

824

775

49

824

Ispettori

V. Ispettore

383

36

419

478

46

524

478

46

524

478

46

524

Ispettore

290

30

320

362

38

400

362

38

400

362

38

400

Ispettore Capo

435

38

473

539

48

587

539

48

587

539

48

587

TOTALE

 

34.201

3.098

37.299

35.627(a)

3.215

38.842

37.247

3.215

40.462

38.805

3.215

42.020

(a) il totale della colonna Uomini 1993 così come pubblicato nella legge, è errato, la somma reale è 35.629.

 

Legge 26 luglio 1993, n. 254

Nel 1993, la legge n. 254 del 26 luglio prevedeva un ulteriore incremento di 1000 uomini nel ruolo agenti e assistenti, da impiegare già nel 1993, come da Tabella A (prevista dall’Art. 1 comma 1), con dei leggeri aggiustamenti rispetto alle previsioni del 443/92 nel ruolo agenti e assistenti donne.

Tabella A

Ruolo

Qualifiche

Organico 1991/92

Organico 1993

Organico 1994

Organico 1995

U

D

Tot.

U

D

Tot.

U

D

Tot.

U

D

Tot.

Agenti e Assistenti

 

28.665

2.832

31.497

30.825

2.832

33.657

32.343

2.934

35.277

33.901

2.934

36.835

Sovrintendenti

V. Sovr.te

3.924

130

4.054

3.650

200

3.850

3.650

200

3.850

3.650

200

3.850

Sovr.te

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sovr.te Capo

504

32

536

775

49

824

775

49

824

775

49

824

Ispettori

V. Ispettore

383

36

419

478

46

524

478

46

524

478

46

524

Ispettore

290

30

320

362

38

400

362

38

400

362

38

400

Ispettore Capo

435

38

473

539

48

587

539

48

587

539

48

587

TOTALE

 

34.201

3.098

37.299

36.629

3.213

39.842

38.147

3.315

41.462

39.705

3.315

43.020

 

Decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 200

Il 12 maggio del 1995 il Presidente della Repubblica firma il decreto legislativo n. 200 che si occupa del riordino delle carriere del personale non direttivo del Corpo di Polizia Penitenziaria, in attuazione dell’art. 3 della legge 6 marzo 1992 n. 216, che a sua volta effettuava la perequazione dei trattamenti economici tra i Carabinieri e il personale delle altre Forze di Polizia.

Nel decreto è prevista la Tabella A, meno dettagliata delle precedenti.

Tabella A 

Organico Polizia Penitenziaria

Uomini

Donne

Totale

Ispettori Superiori

680

60

740

Ispettori capo
Ispettori
Vice ispettori

3.524

306

3.830

Sovrintendenti capo
Sovrintendenti
Vice sovrintendenti

4.140

360

4.500

Agenti
Agenti ausiliari

30.668

3.282

33.950

TOTALE

39.012

4.008

43.020

 

Legge 15 novembre 1996, n. 579

Il 15 novembre 1996 con la legge n. 579, che convertiva (con modifiche) il decreto legge 13 settembre 1996, n. 479, aumenta ancora l’organico della Polizia Penitenziaria.

Infatti, l’art. 1 “Ampliamento dell'organico del Corpo di polizia penitenziaria e modalità di reclutamento” stabiliva che: “L'organico del Corpo di polizia penitenziaria stabilito dalla tabella A allegata al decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 200, è aumentato nel ruolo degli agenti e degli assistenti di millequattrocento unità di personale maschile e duecento unità di personale femminile.”

Quindi si arriva alla seguente tabella:

Tabella A 

Organico Polizia Penitenziaria

Uomini

Donne

Totale

Ispettori Superiori

680

60

740

Ispettori capo
Ispettori
Vice ispettori

3.524

306

3.830

Sovrintendenti capo
Sovrintendenti
Vice sovrintendenti

4.140

360

4.500

Assistenti capo
Assistenti
Agenti
Agenti ausiliari

32.068

3.482

35.550

TOTALE

40.412

4.208

44.620

 

Decreto Legislativo 21 maggio 2000, n. 146

L’ultima e per ora definitiva determinazione dell’organico del Corpo di Polizia Penitenziaria, è stata fissata con il decreto legislativo 21 maggio 2000, n. 146: “Adeguamento delle strutture e delle dotazioni organiche del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria e dell'Ufficio centrale per la Giustizia minorile”, che ha previsto anche l’istituzione dei ruoli direttivi ordinario e speciale del Corpo di Polizia Penitenziaria, a norma dell'articolo 12 della legge 28 luglio 1999, n. 266.

Tabella D

(art. 5, comma 2)

Dotazione organiche delle qualifiche dirigenziali e del ruolo direttivo ordinario 

Qualifiche

Numero posti

Dirigenti superiori

4

Primi dirigenti

8

Commissari coordinatori penitenziari

90

Commissari capo penitenziari

113

Vice commissari penitenziari e commissari penitenziari

300

TOTALE

515

 

Tabella E

(art. 20, comma 2) 

Dotazioni organiche del ruolo direttivo speciale del Corpo di polizia penitenziaria

Ruolo direttivo speciale

Numero posti

Vice commissari penitenziari e commissari penitenziari

150

Commissari capo penitenziari.

30

Commissari coordinatori penitenziari.

20

TOTALE

200

 

Tabella F

(art. 20, comma 3) 

Ruolo

Qualifiche

Dotazione organica

Uomini

Donne

Totale

Ispettori

Ispettori superiori

590

50

640

Ispettori capo

 

 

 

Ispettori

3.428

290

3.718

Vice Ispettori

 

 

 

Sovrintendenti

Sovrintendenti capo

 

 

 

Sovrintendenti

4.140

360

4.500

Vice sovrintendenti

 

 

 

Agenti e Assistenti

Assistenti capo

 

 

 

Assistenti

 

 

 

Agenti scelti

32.068

3480

35548

Agenti ed agenti ausiliari

 

 

 

TOTALE

 

40.226

4.180

44.406

 

L’organico del Corpo di Polizia Penitenziaria previsto dalla Legge pertanto è pari a 45.121 unità, come dalla somma delle tabelle D, E, F del decreto legislativo 21 maggio 2000, n. 146

Decreto Legislativo 21 maggio 2000, n. 146

Organico di Polizia Penitenziaria

Tabella D

515

Tabella E

200

Tabella F

44.406

TOTALE

45.121

 

Tutto questo per dimostrare che dal 1990 e per i dieci anni successivi sono stati adottati dei provvedimenti finalizzati da un lato ad adeguare l’organico del Corpo ai nuovi compiti istituzionali introdotti dalla legge di riforma, dall’altro a compensare il rapporto fra il personale e la crescente popolazione detenuta, nonché per consentire il corretto funzionamento delle nuove strutture penitenziarie che nel tempo si sono inaugurate. 

Nella terza parte saranno analizzati più compiutamente i rapporti tra organico previsto, organico presente e presenza popolazione detenuti.

 

Articoli correlati:

(I parte) Il disciolto Corpo di Polizia Penitenziaria: i dati reali sul progressivo decremento del personale

(II parte) Breve storia dell’organico del Corpo di Polizia Penitenziaria così come previsto dalla Legge

(III parte) Organico della Polizia Penitenziaria e presenze detenuti: andamenti e confronti

 

* Andrea Tosoni: Vice Commissario di Polizia Penitenziaria, Comandante della C.R. Fossombrone, già componente del gruppo di lavoro previsto dal PEA 8/2008: Revisione degli organici della Polizia Penitenziaria