www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 11/04/2010  -  stampato il 04/12/2016


Errori questionari concorso vice sov P.S. Anche Ministero Interno inciampa su errori e ripete parzialmente prova.

Polizia, concorso interno: quesiti errati: Riconvocati in 1.037 a spese dello Stato

ROMA (2 aprile) - Sembra proprio un bel pasticcio quello che è avvenuto al concorso interno per 108 posti da vicesovrintendente indetto dal ministero dell'Interno: in seguito alla presentazione di numerosi ricorsi, infatti, sono stati accertati palesi errori nei questionari assegnati ai concorrenti. Il Ministero ha, quindi, sospeso la precedente graduatoria, e ha riconvocato ben 1.037 agenti della polizia di Stato per ripetere una, due o tre domande errate.
Secondo quanto annuncia GrNet.it, portale di informazione indipendente per il comparto sicurezza e difesa, il tutto avverrà a spese dello Stato, che dovrà rimborsare i biglietti di aerei e treni anche a chi arriva da lontano e dovrà rispondere ad una sola domanda nel tempo massimo di un minuto. Le domande del questionario risultate errate riguardano tutte la materia "Legislazione di pubblica sicurezza e leggi speciali". Alcuni sindacati di polizia stanno valutando l'opportunità di predisporre ricorsi giurisdizionali e una formale denuncia alla Corte dei conti per il danno provocato all'erario.
 
 
Concorso 291 SOV, reiterazione prova scrittal
Con decreto del Capo della Polizia datato 29 marzo 2010, pubblicato nel Bollettino Ufficiale del personale del Ministero dell'Interno, e' stata indetta la reiterazione della prova scritta del concorso interno, per titoli di servizio ed esame scritto, a 108 posti per l'accesso al corso di formazione professionale per la nomina alla qualifica di Vice Sovrintendente, indetto con D.M. 19 settembre 2008, successivamente elevati a 291 con D.M. 3 luglio 2009, limitatamente per numero e materia, alle domande risultate errate nei questionari somministrati in sede di prima prova concorsuale, contraddistinti dalle lettere "A", C", "D" ed "I". Pertanto, ai candidati gia' destinatari del questionario "A" saranno somministrate 3 (tre) domande ed ai candidati gia' destinatari dei questionari "C", "D" ed "I" sara' somministrata 1 (una) sola domanda. Tutte le domande afferiscono alla materia di "Legislazione di Pubblica Sicurezza e Leggi Speciali". Gli aventi diritto dovranno presentarsi, muniti di idoneo documento di riconoscimento in corso di validita', in abito borghese, il 23 aprile 2010, presso la Scuola di Formazione ed Aggiornamento del Corpo di Polizia e del Personale dell'Amministrazione Penitenziaria di Roma, sita in Via di Brava n. 99.
 
Conclusioni: può succedere a tutti un incidente di percorso e anche Polizia di Stato (oggi) e/o Carabinieri e Finanza (domani) possono inciampare su qualche errore procedurale o concettuale ma c'è una differenza sostanziale nel come viene gestita l'emergenza.
Come si può constatare, il Ministero dell'Interno ha adottato senza indugio un provvedimento in autotutela che andrà a sanare immediatamente l'irregolarità riscontrata rendendo, in questo modo, inutile ogni eventuale ricorso giurisdizionale.
Il nostro Ministero della Giustizia, come è noto a tutti, rimane invece assolutamente inerte rispetto ad analoghi episodi. Come ci insegna la vicenda del concorso pubblico 271 vice ispettori che dal 2003 sta ancora aspettando la sua conclusione.
Noblesse oblige.
Cesare Cantelli