www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 26/05/2010  -  stampato il 10/12/2016


Pensioni d'annata: Ancora un appello

Gli appelli in merito alle pensioni d’annata non hanno ancora sortito effetti.La questione si trascina irrisolta sin da quando venne scardinato il principio, fino ad allora costantemente seguito dal Governo, della liquidazione delle pensioni in base agli aumenti periodici concessi al personale in attività di servizio. 
Peraltro, dal 1975, con la modifica del vecchio ordinamento giuridico, venne cambiato il sistema della dinamica di adeguamento delle pensioni, sganciandola dai parametri della qualifica gerarchica e dal servizio prestato.
All’abolizione di tale sistema fu introdotta una dinamica annua di rivalutazione inflazionistica che ha, di fatto, reso  diversissime le pensioni molto datate da quelle attuali. 
Esistono, quindi, un crescente malessere del personale cessato dal servizio vari decenni fa ed una forte spinta a creare le premesse per un riallineamento tra le pensioni d’annata in parola e gli attuali valori delle pensioni più recenti. 

Note sono le istanze, per non dire le suppliche, rivolte in più legislature alle Autorità politiche, al fine di aggiornare le vecchie pensioni con argomentate riflessioni, contenute in concrete proposte di legge, intese ad alleviare l’attuale disparità.  Ma pur essendo tutti a conoscenza della situazione non si fa nulla!