www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 28/05/2010  -  stampato il 03/12/2016


Assunzioni 2000 agenti: mentre il Sappe manifesta a sostegno della legge per sbloccare il concorso, qualcuno continua a fare disinformazione e mistificare i fatti.

Avremmo voluto mantenere fede alla nostra linea editoriale continuando a non perdere nemmeno un attimo del nostro tempo per replicare a chi non volendo, non sapendo o non potendo fare nulla di utile e costruttivo per il Corpo passa il proprio tempo a dire e scrivere stupidaggini (men che meno ci fa piacere replicare a quello che viene scritto sul sito (sito?) dei soliti quattro amici al bar),  ma siamo costretti a puntualizzare alcune cose a beneficio di coloro che hanno (giustamente) chiesto spiegazioni su alcune mistificazioni oscurantiste finalizzate semplicemente a screditare il lavoro altrui.

L’Atto Camera 3291 bis (Disposizioni relative all’esecuzione presso il domicilio delle pene detentive non superiori ad un anno),  a sostegno della cui approvazione abbiamo manifestato lo scorso 26 maggio,  è stato assegnato in sede deliberante alla II commissione permanente (Giustizia) che, acquisiti gli ultimi due pareri vincolanti (purtroppo quello della commissione bilancio non è interamente positivo) il pomeriggio dello stesso giorno, dovrebbe mettere al più presto ai voti il provvedimento.
(La sede deliberante attribuita alla commissione farà si che la votazione potrà licenziare  definitivamente il disegno di legge senza bisogno dell’approvazione dell’Aula)
Nel provvedimento da votare in sede legislativa sono stati presentati due emendamenti che ci interessano direttamente e che riguardano la famosa assunzione delle 2000 unità più volte annunciata dal Ministro e dal Capo del Dap.
Il primo – presentato dal Governo – è questo:
<< Dopo l’art. 2-bis, è inserito il seguente:
(Modifiche alla legge 23 dicembre 2009, n. 191)
“1. All’art. 2, comma 215, della legge 23 dicembre 2009, n. 191, sono apportate le seguenti modificazioni:
a)      Dopo le parole: <> inserire le seguenti: <>;
b)      Alla fine del comma, aggiungere le seguenti parole: <<, ivi compreso l’adeguamento dell’organico del Corpo di polizia penitenziaria occorrente per fronteggiare la situazione emergenziale in atto, A tal fine, per assicurare la piena operatività dei servizi di polizia penitenziaria, con decreto del Ministro della Giustizia da adottare entro il 30 giugno 2010 possono essere introdotte disposizioni per abbreviare i corsi di formazione iniziale degli agenti del corpo di polizia penitenziaria.”
2. 0501. Il Governo >>
 
Il secondo – presentato dai deputati Ferranti, Schirru, Samperi e Amici – che ha le stesse finalità :
<< Dopo l’art. 2, inserire il seguente articolo
“Art. 2 bis – 1. Entro 180 giorni dall’entrata in vigore della presente legge, il ministro della giustizia, sentiti i ministri dell’interno e della funzione pubblica, riferisce alle competenti commissioni parlamentari in merito alla necessità di adeguamento numerico e professionale della pianta organica del Corpo di Polizia Penitenziaria e del personale del comparto civile del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria anche in relazione all’entità numerica della popolazione carceraria e al numero dei posti esistenti e programmati.
2. A tal fine il governo presenta al parlamento entro i successivi novanta giorni un apposito piano straordinario di assunzioni di nuove unità specificandone i tempi di attuazione e le modalità di finanziamento.”
2. 030. Schirru, Ferranti, Samperi, Amici >>
  
Tanto abbiamo specificato per chiarire l’obiettivo perseguito dalla manifestazione del Sappe che, quasi sicuramente, sarà replicata davanti al Senato allorquando lo stesso provvedimento sarà esaminato da quel ramo del Parlamento.
Dispiace solo che, per assolvere al nostro dovere di spiegare e rendere conto ai nostri iscritti, abbiamo involontariamente aggiunto un briciolo di conoscenza nella mente vuota di qualcuno che, di solito, è abituata ad ospitare soltanto la simpatica particella di sodio di un famoso spot televisivo.
Diceva bene il vecchio saggio quando consigliava:
«A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio.»
 
Cesare Cantelli
( vedi il parere della commissione bilancio: