www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 23/06/2010  -  stampato il 04/12/2016


PICCO

Picco è il soprannome affibbiato ad un giovane nuovo giunto in carcere,  del quale il film racconta i giorni di detenzione. Kevin (questo il vero nome del ragazzo) trascorre la maggior parte del tempo rinchiuso in cella insieme a due ragazzi di indole criminale ed a Tommy,  giovane meno violento e che è riuscito a sottrarsi alla dicotonomia carceraria tra vittima e carnefice. Tommy, infatti, sembra aver rifiutato di accettare la regola secondo la quale, in carcere, o picchi o sei picchiato senza alcuna via di mezzo.
La prima parte del film si sofferma sui rituali del penitenziario e sulla progressiva metamorfosi di Kevin da ragazzo normale a detenuto aggressivo e violento.
Lo stupro ed il successivo suicidio di un compagno di cella, del quale sia Tommy che Kevin si sentono  colpevoli per non aver avuto il coraggio di difenderlo, non fa che accelerare questa trasformazione attraverso le dinamiche binarie del luogo.
L’ultima parte del film indugia in durissime ed efferate scene di violenza e di tortura, dopo le quali uno dei due ragazzi viene spinto al suicidio dagli altri, che glielo propongono come unica via d’uscita. Nel finale, poi, prendono il sopravvento immagini e scene di una violenza inaudita, ai limiti della sopportazione dello spettatore, tanto che qualche critico ha accostato Picco al Salò di Pasolini.
Picco è stato il film di fine studi alla Scuola di cinema di Monaco di Philip Koch che si è ispirato apertamente al cinema di azione sociale e non ha esitato ad accostare il termine sadismo al sistema carcerario minorile tedesco.
Nel delineare i personaggi, Koch, non si è mai sbilanciato nel distinguerli tra buoni e cattivi, mostrando in tutti quanti entrambi  gli aspetti secondo le circostanze.
In assoluta coerenza con questa scelta, tutt’altro che manichea, lo stesso regista ha deciso di non raccontare i motivi per i quali ciascun ragazzo è rinchiuso nel carcere, in modo da non consentire allo spettatore di farsi un’idea del grado di immoralità di ognuno di loro.
Il film Picco è stato presentato nell'ambito della Quinzaine di Cannes, in lizza per la Caméra d'Or.