www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 29/06/2010  -  stampato il 04/12/2016


Germania: Lo strano caso di Maurice Baumann che esce dal carcere perché in erezione.

 

Maurice Baumann, 32 anni, era stato condannato ad un anno di carcere per una serie di furti con scasso all’interno di una base militare britannica, a Bielefeld, in Germania.
L’uomo, però, è riuscito ad uscire di prigione con una motivazione alquanto bizzarra.
Il giovane, infatti, è stato ricoverato d’urgenza nel locale ospedale perché colpito da un episodio acuto di priapismo che gli ha provocato una continua ed incontrollabile erezione.
Il referto medico ed il successivo rapporto clinico dell’ospedale, hanno confermato che Maurice soffriva di semi o massima rigidità del pene in maniera continuativa.
A Baumann sono stati prescritti numerosi farmaci, è stata praticata l'agopuntura e sono stati forniti pantaloni speciali per nascondere il suo imbarazzo, ma dopo una settimana di trattamento i medici hanno ammesso di essere in grado di dimezzare l'erezione dell'uomo ma non di annullarla.
Lo stesso Baumann ha poi raccontato ai Magistrati che hanno esaminato il suo caso di essersi
svegliato una mattina in quello stato, di non essersi inizialmente preoccupato perché capita ad un sacco di uomini, ma il problema è stato che poi il suo pene non è mai più tornato alla posizione di riposo.
Il trentenne ha anche confessato di aver fatto sesso con la ragazza, ma cinque minuti dopo era di nuovo eccitato. Ha aggiunto di aver preso antidolorifici e bevuto tanta birra nella speranza di sortire un qualche effetto rilassante.  
Ma alla fine, secondo lui, nulla avuto effetto e la cosa non è affatto divertente.
Tra l’altro, a suo dire, il problema continuava da diversi mesi, e, ultimamente, è stato oggetto di un trattamento medico e farmacologico di una settimana dal costo di 5.000 sterline.
 
Nella cartella clinica dell’ospedale è stato scritto che i dottori hanno infilato siringhe nell'invincibile pene di Baumann per oltre novanta minuti nel tentativo di ridimensionarlo, ma dopo cinque minuti il membro era tornato eretto come prima. Anche un secondo tentativo di iniettargli farmaci non ha avuto gli effetti sperati.
Il tribunale di Bielefeld, infine, ha dovuto prendere atto dell'anomala situazione dello scassinatore e ha decretato che lo stesso può rimanere fuori dal carcere almeno fino a che non ha risolto il problema.
La sentenza non è stata affatto gradita al procuratore Harald Krahmoeller che ha dichiarato: “Solo pazienti afflitti da gravi problemi sanitari dovrebbero essere mandati a casa e questo non penso sia un caso grave. Spero di rivederlo dietro alle sbarre il più presto possibile.”
 
Cesare Cantelli