www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 28/07/2010  -  stampato il 08/12/2016


L'ANPPE chiede l'estensione della convenzione con Telecom anche ai pensionati del Corpo

Con lettera circolare n. 0201084 del 10 maggio 2010, la Direzione Generale delle Risorse Materiali dei Beni e dei Servizi del DAP ha inteso estendere la Convenzione CONSIP Telefonia Mobile 4 tra Telecom Italia ed il Ministero della Giustizia al personale con qualifica di Medico e/o infermiere che presti servizio all’interno delle strutture penitenziarie.
La determinazione, da quanto si apprende dall’atto stesso, è stata assunta per ragioni istituzionali, considerato che tale personale presta la propria attività lavorativa nell’interno dell’Amministrazione Penitenziaria.
Questa Associazione non ha nulla in contrario acchè altre figure professionali accedano alle agevolazioni offerte dalla richiamata Convenzione, anche se il personale interessato non ha alcun vincolo di dipendenza con il Ministero della Giustizia: e ciò è dimostrato da tutta una serie di provvedimenti che quotidianamente vengono assunti negli Istituti.
La scrivente non può fare a meno di evidenziare, invero, il disinteresse dell’Amministrazione nei confronti dei propri dipendenti, nella fattispecie il personale del Corpo, a cui la scheda TIM viene immediatamente revocata e tolta al momento del collocamento in congedo, nonostante si tratti di personale che ha dedicato un’intera vita al servizio delle Istituzioni, con impegno e sacrificio.
Non può non sorprendere il fatto che si proceda ad ampliare il numero dei beneficiari della Convenzione di cui trattasi, e quindi delle relative agevolazioni, a personale esterno all’Amministrazione, senza invece considerare l’importanza di comprendere nei medesimi     contenuti tutto il personale in quiescenza del Corpo di polizia penitenziaria: l’iniziativa sarebbe di grande rilievo perché riserverebbe una particolare attenzione ad una categoria che merita senza dubbio ogni stima e apprezzamento.